Fatture e scadenze a portata di clic

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp

Fatture e scadenze gestite con un clic. Si chiama TassaFacile la startup che propone una piattaforma per rendere più leggera la vita per l’utente con poca conoscenza e attitudine alla contabilità. Uno strumento finanziario concepito per i titolari di una partita Iva, per monitorare le fatture in entrata, calcolando le percentuali di tasse e versamenti Inps (ma anche ai privati che devono pagare l’Imu), mettendole da parte, lasciando solo il netto sul conto. E, dunque: prima l’iscrizione e poi la scelta delle scadenze da far seguire, facendo accantonare le risorse economiche necessarie per pagarle in uno speciale e-wallet (MangoPay, un conto corrente riservato esclusivamente al titolare e che si trova fisicamente presso il Credit Mutuel Arkea, una delle più importanti banche del Vecchio Continente). E a dieci giorni dall’ultimo giorno utile per un pagamento, la sveglia: riecco sul conto corrente la cifra che era stata accantonata, per effettuare con serenità il pagamento. Una rivoluzione per chi è sopraffatto, battuto da fatture, scadenze, pendenze da onorare e soprattutto tende a spendere anche il denaro destinato al pagamento delle tasse.

“Come diceva Benjamin Franklin, nella vita sono sicure solo la morte e le tasse”, ironizza Umberto Canessa, Ceo di TassaFacile, che ha sede in Olanda. L’idea è nata da GoSherpy, l’app-salvadanaio per raggiungere uno specifico obiettivo che avevo creato assieme a due soci. “Ora siamo una startup, in fase di studio per comprendere al meglio le esigenze dei clienti, allenare l’algoritmo, il nostro scopo è quello di aiutare i professionisti, obiettivo reso molto più semplice dalla tecnologia e dalle nuove normative. Sempre nel caso delle partite Iva, per esempio, il nostro sistema studia i movimenti bancari, riconosce il pagamento di una fattura e automaticamente sottrae e accantona in un e-wallet le imposte necessarie in base al sistema fiscale impostato. In questo modo, quello che resta sul conto corrente di accredito della fattura è la cifra netta a totale disposizione del professionista”, spiega.

Nei prossimi giorni sarà a disposizione una versione beta della piattaforma. Mentre entro fine novembre ecco il lancio sul mercato, con un costo annuale da 69 euro. La piattaforma creata da TassaFacile garantisce i clienti anche sulla sicurezza digitale, con un sistema di crittografia a 256 bit, con i dati che non vengono memorizzati sui dispositivi utilizzati, smartphones, pc o tablet. “E’ solo il primo passo – prosegue il Ceo di TassaFacile – il nostro obiettivo è allargare i servizi, lavorare non solo con le persone fisiche ma anche le società, consentendo agli utenti di pagare anche l’F24 attraverso la nostra piattaforma”.