23 Novembre 2018

Manovra, Moody’s: scontro con Ue manterrà alto spread 

Fortune

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

“Le tensioni crescenti con l’Unione europea manterranno i costi di finanziamento” del debito pubblico “alti” e “aumenteranno i rischi per l’economia”. Lo afferma Kathrin Muehlbronner, Senior Vice President di Moody’s, in un aggiornamento ai mercati sull’Italia da parte dell’agenzia di rating, che intanto ritiene “improbabile” che le sanzioni Ue arrivino prima delle elezioni europee 2019.

Il confronto tra l’Italia e l’Europa, che proseguirà nelle prossime settimane di pari passo con l’avanzamento della procedura di deficit eccessivo, “manterrà probabilmente alti e volatili i costi di funding per l’Italia e pone ulteriori rischi al ribasso per l’economia” che “ha già iniziato a rallentare nei primi nove mesi dell’anno”. “La continua incertezza abbinata a tassi di interesse relativamente alti potrebbe deprimere ulteriormente la crescita nel quarto trimestre e nel 2019”, afferma Moody’s.

“Indicatori come la fiducia delle imprese e le immatricolazioni di auto stanno dando segnali di ulteriore debolezza nel quarto trimestre” afferma Moody’s, che monitora con attenzione i flussi di credito “alla luce dell’importanza del finanziamento bancario per l’economia italiana”. “I prestiti bancari alle famiglie e alle imprese sono diventati negativi negli ultimi mesi e un ulteriore irrigidimento delle condizioni di credito indebolirebbe ancora l’economia”.

Moody’s vede dunque “significativi rischi” alle sue previsioni di crescita, che sono dell’1% per quest’anno e dell’1,3% per l’anno prossimo. Secondo l’agenzia di rating il Consiglio Europeo, appoggiando la raccomandazione della Commissione, avvierà la procedura di deficit eccessivo, dando un periodo di tre/sei mesi all’Italia per adottare misure correttive che – sempre secondo Moody’s – il nostro governo respingerà al mittente.

“Il governo italiano potrebbe reagire a un significativo e rapido aumento nei suoi costi di funding, per esempio rinviando l’implementazione di alcune delle sue misure di spesa”. Se Moody’s ritiene “improbabile” il rischio di un’uscita dell’Italia dall’euro anche in caso di un inasprirsi del confronto con l’Europa, l’imposizione di sanzioni all’Italia “potrebbe causare un ulteriore escalation di tensioni”, ragione per la quale è “altamente improbabile” che l’Europa le adotti prima delle elezioni del Parlamento europeo nel maggio 2019, così da non dare un’arma al governo populista italiano in campagna elettorale.

A portata di click

Acquista Fortune in formato digitale per leggere i nostri contenuti su qualsiasi dispositivo.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selezione degli articoli di Fortune.