5 Dicembre 2018

Cdp, no ad Alitalia e niente aumento quota in Tim

Alessandro Pulcini

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Nella giornata della presentazione del piano di Cassa depositi e prestiti per la crescita italiana, il presidente Massimo Tononi ha anche risposto alle ipotesi che avvicinano Cdp a Tim e Alitalia.  “Su Tim, che è una società quotata, non sono qui per escludere o ipotizzare alcunchè sulla nostra partecipazione azionaria”, ha detto Tononi, rispondendo ad una domanda sull’eventualità che la Cassa possa aumentare la sua partecipazione azionaria.

“Al momento non è allo studio”, ha ribadito. “Non ci sono conversazioni in atto con alcun azionista. Questa è la quota ad oggi”. La finalità dell’investimento in Tim, secondo Tononi, “non è cambiata, è quella di sostenere lo sviluppo dell’azienda”.

Nel caso di Alitalia invece “non è assolutamente ipotizzabile un investimento di Cdp”, ha precisato Tononi, rispondendo ancora ad una domanda su un eventuale ruolo della Cassa per il salvataggio della compagnia. “È evidente – chiarisce – che non c’è sul tappeto una transazione che ci può riguardare”.

Tononi ha anche commentato la possibile unione tra Tim e Open Fiber: la duplicazione della rete “può rappresentare uno spreco di risorse”, ha detto il presidente della Cassa depositi e prestiti. Tutto quello che accade lo vediamo da “osservatori esterni”, ha detto Tononi, ma “riteniamo ragionevole” l’azione del governo.

A portata di click

Acquista Fortune in formato digitale per leggere i nostri contenuti su qualsiasi dispositivo.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selezione degli articoli di Fortune.