3 Gennaio 2019

Unioncamere: -100mila artigiani, boom tatuatori

Fortune

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Negli ultimi 5 anni, tra il 2013 e il 2018, il settore dell’artigianato, che in Italia conta oltre 1,3 milioni di imprese, ha perse quasi 100mila. E’ quanto risulta dall’ultima fotografia scattata da Unioncamere e InfoCamere che sottolinea come però si stiano affermando nuovi mestieri a scapito di alcuni dei più tradizionali.

Nel ‘cambio di pelle’ dell’artigianato italiano aumentano, per esempio, le imprese di pulizia, utilizzate soprattutto per uffici e aree commerciali, con quasi 5.700 unita’, i tatuatori (+4.315), i giardinieri (+3.554), le agenzie di disbrigo pratiche (+1.809) e i parrucchieri ed estetisti (+1.758). 

Crescono anche le imprese che confezionano accessori d’abbigliamento o le sartorie su misura, così come i designer, di moda e per il settore industriale. Si riducono invece le imprese di costruzioni e quelle che si occupano di ristrutturazione, i “padroncini” addetti ai trasporti su strada, gli elettricisti, i falegnami e i meccanici.  Muratori e “padroncini” diminuiscono rispettivamente di quasi 24mila e oltre 13mila unità.

A portata di click

Acquista Fortune in formato digitale per leggere i nostri contenuti su qualsiasi dispositivo.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selezione degli articoli di Fortune.

Partecipazioni aperte al Forum Sostenibilità di Fortune Italia