fbpx

Zambon, l’Italia che cresce all’estero. Tascione: “lo faremo ancora di più”

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Massimizzare gli asset storici creando global brands con prodotti, anche datati, di successo e puntare sulle specialty con molecole per le patologie severe. Queste le due direttrici di sviluppo del piano strategico di Zambon. L’azienda, radici vicentine e sede a Bresso, ragiona con una proiezione internazionale e mira a moltiplicare il suo fatturato, come racconta il ceo Roberto Tascione in un’intervista pubblicata sul numero cartaceo di gennaio di Fortune Italia.

“L’Italia rimane molto importante, con l’headquarter e una fabbrica su cui stiamo investendo molto. Ma in prospettiva scenderà la quota di mercato italiana sul totale, perché crescerà ancora di più l’estero. Siamo al 20% in Italia e l’80% fuori e fra dieci anni avremo meno del 10% in Italia e tutto il resto fuori. Quello che faremo è portare l’eccellenza italiana all’estero”, spiega l’amministratore delegato, partendo comunque da un dato certo: “Zambon crescerà, siamo posizionati molto bene. Abbiamo buone ragioni per ritenere che il futuro che ci attende è di crescita significativa. Ci aspettiamo crescita soprattutto da Usa, Cina e parti del mondo lontane dall’Europa”. Sul tavolo anche acquisizioni e nuove partnership. “Ci sono alcune negoziazioni importanti che non posso rivelare”, afferma.

(L’intervista completa è disponibile sul numero cartaceo di Fortune Italia di gennaio)