fbpx

11 Giugno 2019

Taglio tasse solo con stabilità conti

Fortune

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Il taglio delle tasse, cavallo di battaglia dei vicepremier Lega-Cinquestelle e del premier Conte dopo l’ultimo vertice a Palazzo Chigi, è attuabile solo in un quadro di salvaguardia della stabilità dei conti. Lo mette in chiaro il ministro dell’Economia Giovanni Tria sottolineando che: “il Parlamento ha impegnato il Governo, con l’approvazione del Def, a riprendere il percorso di riduzione del debito e di avvicinamento al pareggio di bilancio pur in un quadro di non aumento e di progressiva riduzione della pressione fiscale”. Ed è proprio su questo punto che Tria intende “spingere” per trovare un accordo con l’Ue: “si tratta di un’indicazione positiva perché la riduzione della pressione fiscale è favorevole alla crescita se perseguita salvaguardando la stabilità finanziaria. Il Governo è al lavoro per rispettare queste indicazioni. Questo spiegheremo alla Commissione”.

Il numero uno del Mef è convinto che un compromesso con l’Ue per evitare la procedura di deficit si troverà. “Dovremo renderci disponibili a un dialogo serrato e costruttivo che consenta di arrivare a un accordo per evitare la procedura”, sottolinea. E accenna a stime più aggiornate che “lasciano intendere che a consuntivo i saldi di finanza pubblica saranno sostanzialmente minori, pur a legislazione invariati, di quelli stimati in precedenza e risulteranno di conseguenza coerenti con quanto previsto dal braccio preventivo del patto di stabilità e di crescita”. E in ogni caso “il Governo è determinato a centrare gli obiettivi adottando dove necessario le iniziative adeguate per il loro raggiungimento”.

Tria ha ricordato che “l’indebitamento netto sarà sensibilmente inferiore alla previsione della Commissione: il monitoraggio più recente evidenzia maggiori entrate tributarie e contributive e non tributarie che, dedotte le risorse necessari all’assestamento” porteranno “un beneficio netto di 0,2 punti percentuali” cioè “il deficit al 2,2%”. Tenendo conto delle previsioni economiche e dell’output gap “produrrebbe un miglioramento di 0,1 punti del saldo strutturale 2019 e tale risultato configurerebbe un sostanziale rispetto del braccio preventivo”. Il governo, ha ribadito, “potrà fornire stime più aggiornate a fine luglio” sulle entrate. Tria ha ricordato anche lo “0,07% del Pil” di risparmi calcolati al momento su reddito di cittadinanza e quota 100 che porterebbero il deficit al 2,1%.

“Nel primo trimestre di quest’anno l’economia italiana è tornata a crescere” anche se “aver ritrovato il segno più non è assolutamente soddisfacente ma mostra inversione di tendenza e la resilienza dell’Italia” e del suo sistema produttivo, afferma il ministro dell’Economia. “Ci aspettiamo che nel prossimo semestre si dispiegheranno gli effetti della misure adottate con la legge di bilancio“, e “non solo consumi”, ma soprattutto – sottolinea- in termini di “ripresa degli investimenti pubblici” come “volano” dell’ economia. “Nel 2018 sebbene la crescita abbia sorpreso al ribasso l’anno si è chiuso con una significativa diminuzione del disavanzo, al 2,1% in discesa dal 2,4% del 2017, inoltre il saldo primario” si è attestato “all’1,6% dall’1,4%: ciò dimostra che il governo ha avuto un approccio prudente e responsabile per il 2018”. Al primo posto è necessario porre la ripresa dell’economia, spiega Tria: “Abbiamo una debolezza strutturale della crescita da molti anni e un gap con il resto dell’Europa la cui diminuzione è stata posta come primo obiettivo programmatico del governo”, sottolinea. E conclude sottolineando che il problema economico viaggia ben oltre i confini nazionali: “oggi ci troviamo di fronte ad uno schock macroeconomico negativo che non riguarda solo l’Italia ma l’economia mondiale ed europee sia pur in modo disomogeneo”.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscrivti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selelezione degli articoli di Fortune.