Boiron, la sfida dell’omeopatia allo Stato francese

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Valerie Poinsot_Boiron omeopatia

Valérie Poinsot, direttore generale di Boiron, guida il fronte della difesa dell’omeopatia. La versione completa di questo articolo, a firma di Attilia Burke, è disponibile sul numero di Fortune Italia di maggio.

Più di mille persone in telelavoro nel mondo. Boiron non si ferma. Nel rispetto della sicurezza dei dipendenti, seguendo quanto previsto dalle normative in tema di coronavirus dei diversi Paesi in cui opera, la casa francese che produce omeopatici prosegue il suo cammino. Anche se non sono stati facili gli ultimi tempi. Ma non è nell’indole del suo direttore generale, Valérie Poinsot, arrestarsi davanti alle difficoltà. Circostanze nelle quali lei, primo Dg non appartenente alla famiglia Boiron nella storia dell’azienda, trova uno stimolo a fare ancora di più, ancora meglio. Lo ha dimostrato nel 2019, un anno non facile per il mondo dell’omeopatia in Francia, il Paese dove si concentra il 100% della produzione di Boiron, e primo mercato per l’azienda.

Il governo francese, infatti, ha deciso dapprima di ridurre ai minimi termini la rimborsabilità dei prodotti omeopatici su prescrizione medica, un tempo al 65%, per poi scalare gradualmente fino ad arrivare ad azzerarla nel 2021. Una decisione in seguito alla quale Poinsot è diventata portavoce di un intero settore davanti allo Stato francese. Dalle manifestazioni in piazza alla petizione ‘My homeo, my choice’ che ha raccolto oltre 1 milione di firme, ai contatti con studiosi provenienti da ogni parte del mondo, dal Canada all’India, Poinsot ha preso di petto la sfida lanciata dal ministero della Salute, non lasciandosi intimidire. “Spero che vinceremo il processo con il governo francese. Abbiamo fatto ricorso attraverso degli avvocati perché è un disastro quello che è stato fatto in Francia. Spero che vinceremo la causa legale”, afferma combattiva.

 

La versione completa di questo articolo è disponibile sul numero di Fortune Italia di maggio. Si può comprare in edicola e in versione digitale, oppure ci si può abbonare ai link di seguito:

 

ABBONAMENTO CARTACEO

ABBONAMENTO DIGITALE

 

Comprate giornali e riviste, in edicola e online, abbonatevi se ne avete la possibilità. È l’unico modo per sostenere l’informazione anche in una fase difficile come quella che stiamo vivendo per l’emergenza Coronavirus.

Fortune Italia
ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.

Fortune Italia