GILEAD
Leadership Heade
Poste Italiane

Disabilità invisibili, la proposta

disabilità girasoli

Le disabilità invisibili sono una realtà spesso sottovalutata nel mondo moderno. Secondo dati statistici recenti dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) a livello globale 1 persona su 7 vive con una disabilità e di queste l’80% è invisibile. Si tratta di più di un miliardo di persone che vivono con una disabilità non visibile, ma i dati potrebbero essere sottostimati.

Queste disabilità possono essere temporanee, situazionali o permanenti, possono essere neurologiche, cognitive nonché fisiche, visive, uditive e così via. È quindi fondamentale sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza di riconoscerle e supportare coloro che ne soffrono per evitare ritardi nella diagnosi e nel trattamento, con conseguenze negative sulla qualità della vita dell’individuo affetto.

Una politica efficace di sensibilizzazione sulle disabilità invisibili potrebbe contribuire a ridurre lo stigma e la discriminazione nei confronti di chi ne è affetto, promuovendo una maggiore comprensione e solidarietà. Inoltre, sensibilizzare sull’importanza di riconoscere queste disabilità può aiutare a migliorare l’accesso ai servizi e alle risorse necessarie per garantire una vita piena e dignitosa a coloro che ne hanno bisogno.

Nel mondo sono già presenti diversi progetti per rendere visibile quello che oggi non lo è. Nel Regno Unito, per esempio, dal 2016 è attivo il progetto The Hidden Disabilities Sunflower, uno strumento semplice che consente di condividere all’esterno volontariamente una disabilità o una condizione che potrebbe non essere immediatamente evidente e che aiuterebbe chi può aver bisogno di una mano, magari quando si è in emergenza.

Si tratta semplicemente di un cordoncino verde con disegnati sopra dei girasoli che si mette al collo come un porta badge classico. In Italia non è ancora molto conosciuto e viene ancora utilizzato poco, ma diverse associazioni si stanno muovendo perché trovi una diffusione più ampia. Infatti, se si arrivasse a renderlo conosciuto su larga scala potrebbe essere impiegato in vari settori, viaggi per esempio, evitando criticità e promuovendo una cultura positiva sulla disabilità.

Per questo motivo, come già avviene in altre parti del mondo in ottobre, sono forse maturi i tempi per istituire anche in Italia una settimana di sensibilizzazione sul tema delle disabilità invisibili. Durante questa settimana, si potrebbero organizzare eventi educativi, conferenze, incontri con esperti e testimonianze di persone che vivono con queste disabilità, ma anche promuovere campagne di sensibilizzazione che vedrebbero insieme associazioni, istituzioni, mondo imprenditoriale per contribuire a dare risposte e soluzioni ad una larga fetta di popolazione ancora invisibile.

*Pier Raffaele Spena, presidente FAIS odv

Gileadpro
Leadership Forum
Poste Italiane
Gileadpro
Leadership Forum
Poste Italiane

Ultim'ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.