novanordisk
novanordisk 2
novanordisk 3
novanordisk 4
novanordisk 5
novonordisk 6
novonordisk 7
novonordisk 8
novonordisk 9
novonordisk 10
novonordisk 11
novonordisk 12
Novonordisk 13
novonordisk 14
novonordisk 15
novonordisk 16
bristol
 

Se lo smart working aumenta il tecnostress

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
smart working

Lo smart working aumenta il tecnostress. Non è più una ipotesi: a confermare il nuovo rischio sono 2.538 lavoratori digitali che ho interpellato a febbraio 2021 per una ricerca sulla malattia professionale “Tecnostress” , come è definita da una sentenza del 2007 della Procura di Torino e dall’Istituto nazionale Assicurazione contro gli infortuni sul lavoro (Inail).

I risultati di questa ricerca hanno ispirato il titolo del mio nuovo libro “Lo Smart working aumenta il TecnoStress” (disponibile da pochi giorni su Amazon). La mia tesi è condivisa anche da altri studi che hanno analizzato gli effetti negativi sulla salute provocati dallo smartworking, soprattutto durante i periodi di lockdown a causa della pandemia mondiale Covid-19. Nel mio libro ho raccolto l’elenco completo delle ricerche.

Quindi attenzione: si rischia di ammalarsi se si lavora da casa con le nuove tecnologie (oppure in qualunque luogo è disponibile una connessione internet). I sintomi? Mal di testa, ansia, calo della concentrazione, deficit dell’attenzione, insonnia, disturbi gastrointestinali, patologie cardiocircolatorie.

Nel mio libro ho elencato 18 motivi che favoriscono l’aumento del tecnostress nello smart working, ma i due principali sono: la fusione dello spazio lavorativo con la vita privata, che ci fa usare la tecnologia digitale senza sosta (per motivi aziendali e personali). Quando si lavora in ufficio, invece, questa tendenza è ridotta al lumicino e siamo maggiormente concentrati sulla nostra attività. Ma anche la distrazione continua, che riduce i livelli di attenzione e crea un senso di frustrazione (ad esempio la mamma che viene interrotta continuamente dalla figlia mentre lavora al computer).

Entro il 2030, secondo il World Economic Forum, l’83,5% dei lavoratori utilizzerà lo smart working. Si tratta di oltre 1,8 miliardi di persone. Molte aziende hanno deciso di utilizzare il lavoro agile anche dopo la fine dell’emergenza sanitaria, lasciando i lavoratori liberi di eseguire i propri compiti da casa o in ogni altro luogo che scelgano di utilizzare.

La legge 81 del 2017 che regola il “lavoro agile” indica infatti che il datore di lavoro “non può vincolare l’orario e il luogo di lavoro” (articolo 22). Lo smart worker può lavorare anche tra i boschi degli Appennini se ha un computer e una connessione internet satellitare (oggi esistono modem di questo tipo, che sono piuttosto costosi ma assicurano la connessione ovunque).

Anche in Italia lo smart working è diventato la nuova organizzazione del lavoro, nel settore privato e nella Pubblica amministrazione (per ora il limite è il 15%). Vittorio Colao, ministro dell’Innovazione tecnologica nel governo Draghi, ha dichiarato che “lo smart working è il futuro e si lavorerà in presenza al 50%”.

Nel 2019 gli smart worker erano appena 221 mila, nel 2020 sono saliti a 1,8 milioni (dati di Bankitalia), entro la fine del 2021 saranno 5,3 milioni (dati Politecnico di Milano) e nel 2022 raggiungeranno i 10 milioni secondo una ricerca della Rome Business School.

La pandemia mondiale ha spinto verso il lavoro digitale da remoto e non si torna più indietro. Le riunioni si effettuano ormai in videoconferenza (con Zoom, Skype, GoTomeeting e perfino WhatsApp). Si trascorre più tempo con il computer portatile, il tablet, lo smartphone, e spesso anche fino a tarda sera e nel weekend. Si ha la sensazione di non staccare mai la spina (termine, tra altro, che ci paragona a una macchina). Si può vivere così? Che impatto ha lo smart working sulle relazioni e la salute? Se ci ammaliamo e non siamo più produttivi, rischiamo il licenziamento?

In Italia il Decreto legislativo 81 del 2008 tutela la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro: prevenzione dei rischi, formazione, uso dei dispositivi di sicurezza, obblighi del datore di lavoro e sanzioni penali. Nel 2010 con una circolare il ministero del Lavoro ha indicato che lo stress è un rischio per la salute e va valutato (cioè misurato) in ogni ambiente aziendale. Ciò vale anche per il tecnostress.

Ma con l’avvento dello smart working come si fa a misurare lo stress digitale a casa del lavoratore oppure quando è in mobilità esterna? Come devono procedere gli ispettori del lavoro per accertare la presenza del rischio? Non è facile rispondere. A mio avviso il legislatore deve al più presto aggiornare la normativa e indicare come si misurare il tecnostress nello lavoro agile. Altrimenti ogni azienda procederà in modo autonomo, col rischio di sbagliare.

Questo è il primo modo di fare prevenzione: cioè valutare bene il rischio (tra l’altro è un obbligo di legge). Poi c’è la formazione dei lavoratori: nel caso dello smart working, paradossalmente, la formazione si è spostata online in videoconferenza, aggravando il pericolo.

Da quando sono presidente di Netdipendenza Onlus (2007) mi occupo di tecnostress e internet dipendenza (Internet addiction disorder), la patologia inclusa nel manuale mondiale delle malattie psichiatriche (DSM 5). Ho molta esperienza sui rischi nel lavoro digitale e posso affermare che lo smart working sarà un amplificatore del tecnostress. Nel nuovo libro ho elencato le professioni ad alto rischio tecnostress (tra queste ci sono anche i giornalisti) e dunque gli smart worker rischiano di cadere in depressione, possono soffrire di attacchi di panico, patire l’insonnia e “consumarsi” dentro. Vogliamo diventare “smart zombie”?

*Enzo Di Frenna, giornalista, scrittore e presidente di Netdipendenza Onlus (enzodifrenna.info)

Bristol
INFRATEL
double for you 2

Leggi anche

Bristol
INFRATEL
double for you 2

Ultim'ora