Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement
alfasigma footer 1

Europa ‘fabbrica’ di vaccini per il mondo

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
vaccini Von der Leyen

Dopo gli iniziali ritardi, e una partenza a disomogenea, l’Europa rivendica la sua ricetta contro la pandemia di Covid-19, forte di una produzione d’eccellenza, che è andata ampliandosi in questi mesi, ma anche di un’attenzione alla solidarietà. “Siamo leader nel mondo sui vaccini. Oltre il 79% della nostra popolazione è vaccinata. Siamo stati gli unici ad aver diviso oltre la metà dei nostri vaccini col resto del mondo, con oltre 700 milioni”.

“Ci siamo già impegnati a condividere 250 milioni di dosi” di vaccini anti-Covid con i Paesi più poveri, e “annuncio oggi che la Commissione aggiungerà una nuova donazione di altri 200 milioni di dosi fino alla metà del prossimo anno”, ha precisato la presidente della Commissione europea.

Insomma, mentre negli Stati Uniti di Biden la campagna vaccinale arranca, e contro l’obbligo per i lavoratori fioriscono i falsi via web, la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, nel suo discorso sullo Stato dell’Unione rivendica i risultati ottenuti dalla campagna vaccinale. Obiettivi raggiunti nonostante le molte difficoltà iniziali, in una giornata in cui anche l’Italia torna sul podio.

Emoziona la standing ovation per Bebe Vio, presentata dalla presidente della Commissione europea, “come ispirazione per l’Europa”. Raccontando il percorso della campionessa italiana, Von der Leyen ha infatti detto in italiano: “Se sembra impossibile allora si può fare“. E c’è da credere che, a fine dicembre 2020, a qualcuno poteva sembrare impossibile arrivare a queste percentuali di vaccinati in tutti i Paesi dell’Ue, considerati i (tanti) problemi per le forniture e la produzione.

“Se rifletto sull’anno passato e sullo Stato dell’Unione vedo una forte anima in tutto quello che facciamo” ha detto von der Leyen. “Nella principale crisi sanitaria mondiale ci siamo uniti per garantire a tutti gli angoli d’Europa di avere dei vaccini salvavita e abbiamo proceduto con Next generation Eu e con il Green deal – aggiunge – Abbiamo agito come Europa unita e di questo possiamo essere fieri“.

“Il lavoro che dobbiamo fare verso una unione europea sanitaria è un grande passo avanti abbiamo dimostrato che quando agiamo insieme agiamo rapidamente”, ha detto ancora la presidente della Commissione europea citando il Green pass.

Insomma, unita l’Europa vince, e oltretutto può presentarsi al mondo forte di una produzione farmaceutica d’eccellenza. Ma anche attenta alla solidarietà, perché dalla pandemia si esce tutti insieme.

TTG
pfizer health
Milteny Banner 1
Milteny Banner 2

Leggi anche

I più letti