ABOCA
WOBI HEALTH

Pronto soccorso in crisi: dopo la pandemia, letti e medici mancano ancora

Aboca banner articolo

I Dea tornano al centro delle cronache per mancanza di letti e medici. La sfida: rendere attrattiva questa professione. La versione completa di questo articolo è disponibile sul numero di Fortune Italia di luglio-agosto 2022 .

Dopo la ‘pausa pandemica’ i pronto soccorso sono tornati a mostrare segni di pesante sofferenza. E questo in diverse parti d’Italia. Ma che cosa sta accadendo? Lo abbiamo chiesto a Fabio De Iaco, presidente nazionale della Società italiana di medicina di emergenza-urgenza (Simeu).

La situazione critica dei pronto soccorso italiani è nota alle cronache ormai da mesi. Ci può fornire qualche numero che aiuti a focalizzare meglio la realtà che lei e i suoi colleghi vivete quotidianamente?

In Italia si registrano 22 milioni di accessi ogni anno, a fronte di una carenza di circa 4mila medici di pronto soccorso. Da sei mesi a questa parte poi stiamo assistendo all’accelerazione della fuga dei colleghi: 100 medici al mese lasciano il Ssn, che equivale alla chiusura di 4-5 pronto soccorso ogni mese. A questa fuga degli operatori, però i servizi di emergenza-urgenza restano aperti e operativi senza differenza rispetto a prima. Con le conseguenze in termini di mole di lavoro per chi resta, intensità di cure erogabili dai professionisti e attese per i cittadini che le lascio immaginare.

Una delle problematiche dell’assistenza sanitaria pubblica è un ricorso spesso improprio. Secondo lei perché gli italiani si rivolgono così tanto ai servizi di emergenza-urgenza?

Si tratta di un punto fondamentale su cui occorre fare molta chiarezza. È vero che c’è inappropriatezza, ma non è vero che l’enorme quantità di accessi sia realmente impropria. Pensare a un arrivo di soli codici gialli e rossi al pronto soccorso è utopistico. Attualmente il pronto soccorso è l’unico servizio del Ssn che, bene o male, dà sempre delle risposte. È vero che chiediamo un filtro al territorio, ma questo filtro non c’è. E quindi il cittadino che necessita di una risposta sanitaria si rivolge al pronto soccorso. Alcuni studiosi di organizzazione sanitaria indicano che gli accessi al pronto soccorso andrebbero ridotti dell’80%: non solo utopia, ma anche un rischio per la salute dei cittadini. L’obiettivo del pronto soccorso non è solo il codice rosso, ma anche ciò che è urgente dal punto di vista clinico. Ci sono molte cose urgenti anche nei codici verdi.

Uno dei pilastri della riforma del Ssn è la rimodulazione della sanità: sarà più territoriale e vicina al cittadino e meno ospedaliera. Quali azioni riterrebbe opportune per andare in questa direzione anche nell’ottica di un minor accesso al pronto soccorso?

Servirebbe un’educazione sanitaria dei cittadini affinché conoscano e considerino opportunità e costi dell’accesso al pronto soccorso. Quanto alla medicina di prossimità, non si fa solo con gli interventi strutturali previsti dal Pnrr. Il problema è che mancano i professionisti della salute, medici e infermieri. Se le strutture del Pnrr saranno solo uno step intermedio prima di arrivare al pronto soccorso, non serviranno a risolvere il problema. Ragionare sulla riforma del Ssn dovrebbe significare risolvere anche le sofferenze che l’ospedale mostra già da molto tempo. Non pensiamo che con le sole attività previste dal Pnrr non avremo più il problema del boarding al pronto soccorso, delle liste d’attesa nei reparti, degli interventi chirurgici eseguiti per tempo.

La versione completa di questo articolo è disponibile sul numero di Fortune Italia di luglio-agosto 2022. Ci si può abbonare al magazine di Fortune Italia a questo link: potrete scegliere tra la versione cartacea, quella digitale oppure entrambe. Qui invece si possono acquistare i singoli numeri della rivista in versione digitale.

IV Forum Health
Teva box 2023
servier 2022
ABOCA BANNER
CDPimpreseAdvertisement
CDPPAAdvertisement

Leggi anche

CDP1Advertisement
CDP2Advertisement
IV Forum Health
WBF

Ultima ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.