ABOCA
WOBI HEALTH

Altro che scuola digitale, i rischi per la schiena dei bambini

primo giorno di scuola zaini
Aboca banner articolo

Chili di libri in zaini e cartelle. Così l’istruzione rischia di creare danni alla schiena di bambini e ragazzi. Intervista al presidente degli ortopedici Siot Paolo Tranquilli Leali.La versione completa di questo articolo è disponibile sul numero di Fortune Italia di settembre 2022.

Dopo la pausa estiva si torna sui banchi di scuola. E per bambini e ragazzi si ripropone l’immancabile problema degli zaini e delle cartelle stracolmi di libri, così ingombranti da sfiorare anche i 10 kg. I genitori tornano a chiedersi: troppo peso sulla schiena farà male? E quali ripercussioni potrà avere su un organismo in fase di sviluppo?

Per fare chiarezza abbiamo raggiunto Paolo Tranquilli Leali, presidente Siot (Società italiana di ortopedia e traumatologia), che spiega: “Il sovraccarico, ossia il carico eccessivo, è dannoso sulle macchine, sui mezzi di movimentazione, sui camion e anche sugli umani. Ancor di più sui bambini che sono in fase di crescita. Da un punto di vista per lo meno teorico, è ovvio che bisognerebbe evitare i quantitativi che vengono imposti sulle spalle dei bambini. Uno zaino pesante – spiega – può comportare patologie della colonna vertebrale e determinare un danneggiamento dei dischi dorsali che sono ancora in accrescimento, portando al cosiddetto dorso curvo e al bambino con la cifosi dorsale. La deformazione sarà permanente – avverte – Ci sarà un dorso curvo che rimarrà tale per tutta la vita. La struttura fisica, la potenza, lo sport praticato rendono estremamente variabile la capacità di sopportazione del peso – precisa Tranquilli Leali – ma il bambino non dovrebbe mai arrivare al limite del carico. È necessario restare in un dominio di non rischio e di non sovraccarico. Purtroppo, siamo in un campo in cui non è facile normare, ma è possibile pensare ad accorgimenti”.

Quali? “Bisognerebbe spingere per l’uso generalizzato dello zaino con le rotelle, tipo trolley, in struttura leggera – consiglia l’esperto – Personalmente renderei obbligatorio l’uso di questi zaini-trolley come porta libri, per non creare discriminazioni tra i bambini: mi riferisco allo zaino che possa essere indossato con entrambe le cinghie e non ‘alla Indiana Jones’ solo da un lato, perché c’è sbilanciamento e rischio di danno alla colonna vertebrale. Bisogna anche considerare che nei bambini scatta l’emulazione e che le classi nelle nostre scuole sono al primo o al secondo piano, senza ascensori”.

“Mi permetto poi di dire che sia a dir poco antistorico portare zaini con all’interno anche 10 fra libri, quaderni, vocabolari – sottolinea – Siamo nell’epoca del digitale, ma i bambini sono costretti a portare zaini pesanti. Per prima cosa, allora, spingiamo nella direzione di una scuola che sia più moderna e che in quanto tale sia davvero digitale. Sfogliare un libro di carta è più bello, più emozionale, e lo si può fare a casa per i compiti, lasciando così la possibilità di sottolineare un testo in maniera tradizionale. A scuola, invece, si può usare il tablet”. Anche in questo caso però bisogna fare attenzione, soprattutto ai problemi di postura: “L’uso di telefonini, pc e device porta i ragazzi a stare per molto tempo chini sullo schermo, con disturbi alla respirazione perché non si apre la gabbia toracica, ma anche problemi alla schiena e alla cervicale – evidenzia l’esperto – Ci sono conseguenze in termini di perdita del tono muscolare e danni articolari alle mani, soprattutto a livello del trapezio metacarpale, perché il pollice viene molto sollecitato, per cui si possono avere forme di artrosi e tendiniti che una volta erano impensabili in un bambino di 8-11 anni. Non solo. Ci sono problemi visivi per via delle radiazioni degli schermi, che possono portare danni retinici”.

E allora? “Dovrebbero essere i genitori a stabilire regole chiare sull’uso dei dispositivi. Spesso si demanda alla scuola, ai docenti o ai medici, quando invece bisognerebbe avere il coraggio di dire no ai figli e stabilire tempi certi per l’uso dei device. Quante volte ci è capitato di vedere le famiglie che arrivano al ristorante e i genitori appena seduti che lasciano ai figli anche molto piccoli i tablet? I bambini finiscono in un angolo del tavolo, peraltro senza parlare tra loro. I no sono molto più educativi dei sì”.

La versione completa di questo articolo è disponibile sul numero di Fortune Italia di settembre 2022. Ci si può abbonare al magazine di Fortune Italia a questo link: potrete scegliere tra la versione cartacea, quella digitale oppure entrambe. Qui invece si possono acquistare i singoli numeri della rivista in versione digitale.

IV Forum Health
Teva box 2023
servier 2022
ABOCA BANNER
CDPimpreseAdvertisement
CDPPAAdvertisement

Leggi anche

CDP1Advertisement
CDP2Advertisement
IV Forum Health
WBF

Ultima ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.