ABOCA
WOBI HEALTH

L’Europa ha il quarto vaccino, ok Ema a J&J

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email

L’Europa ha il quarto vaccino contro Covid-19. Come ci si aspettava, l’Ema (Agenzia europea dei medicinali) ha raccomandato l’autorizzazione all’immissione in commercio condizionata per il vaccino monodose Janssen (gruppo J&J) contro Covid-19 dai 18 anni in poi.

Dopo “una valutazione approfondita”, il Comitato per i medicinali per uso umano ha concluso che i dati sul vaccino sono “solidi e soddisfano i criteri di efficacia, sicurezza e qualità”,

Dopo questa decisione “le autorità di tutta l’Unione europea avranno un’altra opzione per combattere la pandemia e proteggere la vita e la salute dei loro cittadini”, ha affermato Emer Cooke, direttore esecutivo dell’Ema, aggiungendo, “questo è il primo vaccino che può essere usato a dose singola”.

Gli esperti hanno esaminato i risultati di uno studio clinico che ha coinvolto persone negli Stati Uniti, in Sudafrica e nei paesi dell’America Latina (oltre 44.000 persone). Un elemento importante, anche tenendo conto dell’allarme legato alle varianti.

Lo studio ha rilevato una riduzione del 67% del numero di casi di Covid-19 sintomatici dopo 2 settimane nelle persone che hanno ricevuto il vaccino Janssen (116 casi su 19.630 persone) rispetto quante hanno ricevuto un placebo (348 persone su 19.691). Ciò significa, spiegano dall’Ema, che il vaccino ha avuto un’efficacia del 67%.

Gli effetti collaterali del vaccino nello studio sono risultati generalmente lievi o moderati e sono stati risolti entro un paio di giorni dalla vaccinazione. I più comuni erano dolore al sito di iniezione, mal di testa, stanchezza, dolori muscolari e nausea.

Il disco verde permetterà al Vecchio Continente di contare dunque su nuove forniture di vaccino, e di accelerare la campagna di immunizzazione. Nei giorni scorsi si era parlato di possibili difficoltà di J&J nel garantire le forniture, ma l’azienda ha confermato l’impegno a fornire 200 milioni di dosi del suo vaccino entro il 2021, a partire dal secondo trimestre.

“Per raggiungere l’obiettivo, dall’inizio del 2020 ci siamo concentrati sulla costruzione di una rete di fornitura globale parallelamente allo sviluppo del nostro vaccino. Continuiamo ad avviare e attivare nuovi siti di produzione il più rapidamente possibile e riconosciamo che questa è una sfida estremamente complessa, per noi e per tutti gli altri produttori di vaccini”, ha fatto sapere l’azienda.

“I nostri attuali piani di produzione ci consentono di raggiungere un tasso di un miliardo di dosi all’anno entro la fine del 2021“, ha assicurato Johnson & Johnson, impegnandosi a rendere disponibile il suo vaccino senza scopo di lucro per l’uso emergenziale.

ABOCA BANNER
a2a

Leggi anche

ABOCA BANNER
a2a

Ultim'ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.