AdvertisementAdvertisementAdvertisementAdvertisementAdvertisement
roma 1
milano 1
bologna
genoa
bari
roma 2
milano 2
torino
vario 1
roma 3
vario 2
roma 4
vario 3
milano 4

Uovo di Pasqua ‘amico’ dei bambini

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
uovo Pasqua

L’uovo di Pasqua rappresenta una tradizione così cara ai bambini che in molti i casi cercano di mantenerla, non solo durante l’adolescenza, ma anche da adulti, come avviene per la calza della befana. Chiariamo subito che il cioccolato fa bene e non fa male.

Fa bene perché contribuisce a creare le radici e i punti di riferimento affettivi. Quest’anno poi questa tradizione è ancora più importante perché serve a rafforzare proprio le radici in questo periodo di pandemia, quando i rapporti interpersonali sono drasticamente diminuiti con la tendenza all’isolamento.

L’uovo di Pasqua rappresenta perciò un momento importante di continuità anche con le abitudini passate. Non solo. È un modo per far capire ai bambini che nonostante la pandemia e la chiusura delle scuole il mondo continua.

Non fa male perché i grassi che contiene sono insaturi, mentre l’unico grasso saturo è lo stearico che ha un basso impatto metabolico.

È vero che il cioccolato contiene molte calorie, ma, anche in questo caso c’è un basso rischio di obesità perché il gusto della cioccolata è tale che dopo un poco compare un senso di sazietà e si smette: come dicono i bambini il troppo “stucca“. Inoltre i bambini non tendono a fare mai le “abbuffate”, nemmeno di cioccolata.

L’unica raccomandazione è che, dopo aver scartato e aperto l’uovo, i genitori chiudano la cioccolata avanzata in modo che il bambino non la consumi come fuori pasto o per vincere la noia. Questa, care mamme e cari papà, è davvero l’unica raccomandazione.

I gusti dei bambini vengono in aiuto in questo periodo di difficoltà economica, perché i piccoli preferiscono avere un numero maggiore di uova di cioccolato, anche se piccine, rispetto a maxi-uova molto costose. Pertanto va bene qualunque tipo, anche se sotto i 6 anni consiglio una confezione di forma tradizionale però che abbia colori sgargianti e luccicanti preferendo rosso e color oro, mentre eviterei i colori pastello o chiari.

Meglio ancora sarebbe poter inserire all’interno dell’uovo delle sorprese personalizzate, ma in questo periodo di zone rosse oppure arancioni va bene qualunque uovo e qualunque sorpresa purché si mantenga la tradizione. In molti casi è indicato nella confezione il contenuto della sorpresa e questa è un’utile indicazione per evitare delusioni.

Per la scelta del tipo del cioccolato è bene capire quale sia quello preferito da destinatario dell’uovo, perché non è scontato che ai più piccoli piaccia il cioccolato al latte. Inoltre alcuni sono intolleranti alle proteine del latte vaccino, pertanto è bene sempre fare una piccola indagine chiedendo ai genitori.

Italo Farnetani, pediatra e divulgatore

Box Ferrovie Fortune health
servier box Health
fujifilm
Milteny Banner 1
Milteny Banner 2
Banner Come Back to Welfare

Leggi anche

I più letti