ABOCA
WOBI HEALTH

Varianti Covid, i nuovi nomi di quelle pericolose

varianti Covid
Aboca banner articolo

Mentre quella indiana continua a preoccupare in Gran Bretagna, le varianti di Sars-CoV-2 vengono ribattezzate dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms). Che, questa volta, si è ispirata alle lettere dell’alfabeto greco.

Così scopriamo che le 4 varianti più preoccupanti da oggi si chiameranno: Alfa (inglese), Beta (sudafricana), Gamma (brasiliana) e Delta (indiana).

Ma perché? “I sistemi di nomenclatura stabiliti per la denominazione e il monitoraggio dei lignaggi genetici Sars-CoV-2 da Gisaid, Nextstrain e Pango sono e rimarranno utilizzati dagli scienziati e nella ricerca scientifica”, precisa l’Oms.

Ma per semplificare la ricerca e la discussione, eliminando sigle e numeri, l’Agenzia delle Nazioni Unite ha attivato un gruppo di scienziati impegnati nel monitoraggio del Coronavirus, rappresentanti di Gisaid Nextstrain, Pango e altri esperti in nomenclatura e comunicazione virologica, microbica da diversi Paesi e agenzie allo scopo di elaborare ‘soprannomi’ “facili da pronunciare e non stigmatizzanti” per le varianti del virus di Covid-19 definite preoccupanti e per quelle da monitorare (‘di interesse’).

Questo gruppo di esperti convocato dall’Oms ha raccomandato l’uso di ‘soprannomi’ con lettere dell’alfabeto greco: “Alfa, Beta, Gamma, etc, più facili da pronunciare e utilizzare anche da parte di un pubblico” che non sia composto da scienziati e ricercatori. E soprattutto utili a evitare di gettare ombre sul luogo (e il popolo) in cui la variante è stata identificata la prima volta.

Oltre alle quattro varianti più celebri, fra quelle ‘di interesse’ l’Oms inserisce: Epsilon (B.1.427/B.1.429 rilevata in Usa), Zeta (P.2 in Brasile), Eta (B.1.525 in diversi Paesi), Theta (P.3, Filippine), Iota (B.1.526, Usa) e Kappa (B.1.617.1, ancora in India).

In questo elenco non c’è (ancora) la nuova variante vietnamita di cui abbiamo letto nei giorni scorsi.

E’ un ibrido tra l’inglese e l’indiana – ci spiega Massimo Ciccozzi, responsabile dell’unità di Statistica medica ed Epidemiologia della facoltà di Medicina e Chirurgia del Campus Bio-Medico di Roma ed esperto di varianti – Questa variante ha preso le mutazioni un po’ dell’una e un po’ dell’altra, ed è contagiosa come quella indiana. Ma il problema del Vietnam è collegato al piano vaccinale molto scarso: all’inizio la malattia era stata controllata, grazie al tracciamento. Ora però il virus ha ripreso a correre, e non hanno un piano vaccinale idoneo ad arginare il problema”.

IV Forum Health
servier 2022
ABOCA BANNER
CDPimpreseAdvertisement
CDPPAAdvertisement

Leggi anche

CDP1Advertisement
CDP2Advertisement
IV Forum Health
WBF

Ultima ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.