Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement
SAS

Sull’attacco hacker alla Regione Lazio indaga l’antiterrorismo

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
hacker deepfake intelligenza artificiale

Si allarga l’indagine della polizia postale sull’attacco hacker alla Regione Lazio che blocca da domenica scorsa le prenotazioni dei vaccini anti-Covid e altri servizi. Se ne occupano anche i pm dell’antiterrorismo che ipotizzano i reati di accesso abusivo a sistemi informatici e tentata estorsione, sebbene dalla Regione continuino a dire che non è arrivata nessuna richiesta di riscatto.

L’offensiva, ha spiegato l’assessore alla Salute, Alessio D’Amato, sarebbe nata “dalla violazione dell’utenza di un dipendente in smartworking” e la vulnerabilità avrebbe consentito ai ‘pirati’ di “criptare anche il backup dei dati”. Entro venerdì mattina, garantisce però, saranno riattivate le prenotazioni della campagna vaccinale. “Allo stesso tempo – si legge in una nota – sono stati isolati e messi in sicurezza in appositi cloud tutti i dati dei servizi che non sono stati attaccati, come i dati sanitari”. La Regione ricorda inoltreche sono attivi i servizi della protezione civile, del 118, del 112 e del centro trasfusionale. I dati del bilancio regionale sono in sicurezza ed entro la fine di agosto saranno riattivati anche i sistemi di pagamento regionale

Dell’episodio ha parlato anche la ministra dell’Interno, Luciana Lamorgese, davanti al Copasir. La responsabile del Viminale ha parlato della “ recrudescenza del fenomeno, che negli ultimi mesi ha colpito sia attività pubbliche che private”. Secondo la ministra è necessario “agire con urgenza per elevare il livello di sicurezza, la resilienza dei sistemi informatici e l’istruzione degli operatori”.

 

SAS ARTICOLO
SAS HEALTH
pfizer health

Leggi anche

I più letti