Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement
Galapagos

Sepsi killer, causa 11 mln di morti nel mondo

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
sepsi

“Uccide 11 milioni di persone ogni anno, fra le quali circa 3 milioni di bambini. E provoca disabilità in milioni di altri”. A descrivere così le conseguenze della sepsi, nella Giornata mondiale dedicata a questa condizione, è Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità.

Il dottor Tedros lancia un appello a tutti i Paesi “per investire nella prevenzione della sepsi, nella diagnosi precoce e in una gestione clinica mirata e tempestiva”. Che possa contribuire a salvare vite umane.

Ma che cos’è la sepsi? Si tratta di una “complicazione di un’infezione, le cui conseguenze possono essere molto gravi e potenzialmente mortali. Consiste – spiega l’Istituto superiore di sanità – in una risposta infiammatoria eccessiva dell’organismo a un’infezione generalizzata che danneggia tessuti e organi, compromettendone il funzionamento. Senza una cura immediata può provocare la morte”.

La sepsi può colpire chiunque abbia contratto un’infezione, tuttavia è più frequente in neonati, bambini, anziani e persone con malattie persistenti nel tempo (croniche) o altre condizioni mediche che indeboliscono il sistema immunitario.

Il peso globale della sepsi è difficile da quantificare, sottolinea l’Oms, anche se solo nel 2017 ci sono stati 48,9 milioni di casi e 11 milioni di decessi correlati alla sepsi in tutto il mondo, che hanno rappresentato quasi il 20% di tutti i decessi globali. Quasi la metà di tutti i casi di sepsi globali si è verificata tra i bambini, con una stima di 20 milioni di casi e 2,9 milioni di decessi globali nei bambini di età inferiore ai cinque anni.

Esistono significative disparità regionali nell’incidenza e nella mortalità della sepsi; circa l’85,0% dei casi e dei decessi correlati alla sepsi in tutto il mondo si è verificato nei Paesi a basso e medio reddito, afferma ancora l’Oms.

La sepsi può essere la manifestazione clinica di infezioni acquisite sia in ambito comunitario che in strutture sanitarie. E proprio le infezioni associate all’assistenza sanitaria sono uno, se non il più frequente, tipo di evento avverso che si verifica durante l’erogazione delle cure e colpiscono centinaia di milioni di pazienti in tutto il mondo ogni anno. Poiché queste infezioni sono spesso resistenti agli antibiotici, possono portare rapidamente al deterioramento delle condizioni cliniche.

“Oggi è la decima Giornata mondiale per la lotta alla sepsi, una seria complicazione legata alle malattie infettive che colpisce soprattutto le persone più fragili. In questo periodo di emergenza – sottolinea il ministro della Salute Roberto Speranza – è più che mai importante tenere alta l’attenzione su tutte le infezioni e continuare a investire nella ricerca”.