WOBI HEALTH

Amministrative, il no a green pass e vaccini non paga

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
vaccini amministrative

I dati della campagna vaccinale, con il 79,31% della popolazione over 12 che ha completato il ciclo, potevano fornire qualche indizio. Ma certo i risultati delle amministrative l’hanno mostrato chiaramente: cavalcare le proteste no Green Pass e no vaccini non porta poi tutti questi voti.

E non stupisce che a sottolinearlo, in queste ore, siano stati sui social alcuni degli specialisti che hanno appoggiato con forza la campagna vaccinale. E’ il caso di Walter Ricciardi, consigliere del ministro della Salute Roberto Speranza e docente di Igiene all’università Cattolica di Roma. Ricciardi sottolinea su Twitter come “in tutto il mondo i politici che si sono opposti a decisioni per combattere la pandemia basate sull’evidenza scientifica sono stati trombati alle elezioni (Trump docet), la stragrande maggioranza dei cittadini vuole una politica seria e responsabile quando si tratta di salute”.

Il risultato ottenuto a Trieste da Ugo Rossi, candidato per il Movimento 3V (Vaccini Vogliamo Verità), che ha raccolto il 4,46% dei consensi, e quello di Rimini, dove Matteo Angelini sempre con la lista ‘3V’ ha ottenuto il 4,10 % dei voti, in effetti confermano la presenza di uno zoccolo duro no vax in alcune realtà del Paese, e la sua inconsistenza nella maggioranza dei territori.

D’altro canto la stragrande maggioranza degli italiani,a ben guardare, aveva detto sì ai vaccini anti-Covid anche prima della ‘spintarella’ gentile del Green Pass.

Come nota, su Twitter, anche Salvo Di Grazia, il medico anti-fake che dal 2009 ha dato vita al blog “MedBunker” e da allora ha smentito – dati alla mano – numerose bufale sui vaccini: “La politica mi ha stufato, ma mi è sembrato di capire che inseguire le simpatie di quattro novax serve a ottenere quattro voti”.

Insomma, per dirla con le parole dell’assessore alla Sanità e Integrazione sociosanitaria del Lazio Alessio D’Amato, “il voto punisce le forze che maggiormente si sono caratterizzate per il contrasto al green pass e lo scetticismo sui vaccini. Oggi è il tempo del pragmatismo che passa innanzitutto per la messa in sicurezza di Roma, del Lazio e dell’intero Paese. Non c’è spazio per l’ambiguità”. Chissà se il messaggio è stato ricevuto.

a2a
REVERSE HEALTH

Leggi anche

a2a
REVERSE HEALTH

Ultim'ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.