Variante Lambda meno contagiosa di Delta, studio

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
variante Lambda

Mentre l’elenco delle varianti Covid continua ad allungarsi, arrivano nuovi dati su quelle finite ‘nel mirino’ dell’Organizzazione mondiale della sanità. Questa volta i il gruppo italiano dei ‘cacciatori di varianti’ si è concentrato sulla variante Lambda, scoperta per la prima volta un anno e mezzo fa, nel marzo del 2020, in Perù e che ormai circola in diversi Paesi, anche se non in Italia.

“Ebbene, abbiamo scoperto che la variante Lambda è meno contagiosa della Delta”, ci racconta Massimo Ciccozzi, responsabile dell’unità di Statistica medica ed Epidemiologia della facoltà di Medicina e Chirurgia del Campus Bio-Medico di Roma, fra gli autori del nuovo lavoro, accettato per la pubblicazione da Biomolecules.

Lo studio è firmato, tra gli altri, da Stefano Pascarella, del Dipartimento di scienze biochimiche della Sapienza, Marta Giovanetti, dell’Oswaldo Cruz Institute di Rio de Janeiro, Roberto Cauda, del Dipartimento di Sicurezza e Bioetica, Sezione Malattie Infettive dell’Università Cattolica di Roma e da Antonio Cassone, del Centro di genomica, genetica e biologia di Siena.

“Abbiamo confrontato la variante Lambda con la Delta: la prima si è rivelata meno contagiosa rispetto alla Delta, ormai dominante in Italia”. Una buona notizia? “Le mutazioni della variante Lambda potrebbero dare un po’ fastidio agli anticorpi vaccinali, ma in realtà questa è una variante che può essere ancora controllata dal vaccino. Ha una sua contagiosità che però è inferiore alla Delta e difficilmente andrà a soppiantarla, da quello che ci dicono i dati”. Per quanto riguarda l’aggressività “dobbiamo essere chiari: la letalità di questo virus non è mai cambiata, è sempre intorno a 2”.

“In Italia la variante Lambda non è arrivata – precisa l’esperto – e se arriverà lo farà attraverso i viaggi. Il problema del Sudamerica è legato al fatto che non c’è un’alta percentuale di vaccinati: così il virus circola di più e fa più mutazioni”.

Inoltre, conferma Ciccozzi, “il virus Sars-Cov-2 ormai ha puntato sulle delezioni: spezza un pezzo del genoma, dove ci sono dei ‘pezzetti’, gli epitopi, che il nostro sistema di difesa riconosce, e se ne libera. Se lui li elimina, si rende irriconoscibile. Questa è la missione del virus adesso”. In pratica, rendersi invisibile: mimetizzarsi per sfuggire alle nostre difese. Un Coronavirus ‘sotto copertura’.

“Questo è il rischio: ovvero che emerga una variante in grado di nascondersi e sfuggire ai vaccini. E il pericolo è più alto nelle aree del mondo in cui il tasso di vaccinazione è ridotto”.

Fortune Italia
ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.

Fortune Italia