GILEAD
Leadership Heade
Poste Italiane

Covid e vaccini, perché preoccupano i numeri GB

covid Gran Bretagna

L’inverno si avvicina e i numeri della pandemia da Covid-19 in Italia appaiono sotto controllo. Inoltre, dopo il ‘D-day del green pass obbligatorio’, aumentano (anche se un po’ a fatica) le prime dosi di vaccino. Sono ormai 46.219.911 gli italiani over 12 con almeno una dose (85,58% della popolazione over 12) e 43.872.801 quelli che hanno completato il ciclo (81,23%). Tutto bene, allora? Non proprio: a preoccupare sono i numeri che arrivano dalla Gran Bretagna.

Qui ieri i casi hanno superato quota 45mila: sono stati più di 300mila i positivi a Covid-19 nell’ultima settimana, e la curva appare in decisa crescita. Questo anche se i decessi (57 in 24 ore) sono ancora contenuti, ma allarma l’aumento dei ricoveri in ospedale. Come mai tanti casi, in un Paese partito a spron battuto con i vaccini e che conta ormai 49.398.211 di vaccinati con la prima dose e 45.358.472 che hanno completato il ciclo (rispettivamente l’85.9% e il 78.9% della popolazione over 12)?

Lo abbiamo chiesto a Roberto Cauda, direttore dell’Unità operativa di Malattie infettive del Policlinico Gemelli di Roma. “Ricordiamo che la Gran Bretagna ha optato, il 17 luglio, per il ‘liberi tutti’: mascherina e distanze non sono più obbligatori nemmeno nei luoghi chiusi. E’ chiaro che questo è un virus che non permette scorciatoie – sottolinea Cauda – E’ vero che gli inglesi avevano vaccinato molto, ma è anche vero che bisogna mantenere alto il profilo di sicurezza, perché comunque c’è una quota parte di popolazione che non è vaccinata” e resta più vulnerabile all’attacco del nuovo Coronavirus.

Così, senza misure anti-Covid, e con il calo delle temperature, Sars-Cov-2 si è fatto sentire. “Se per la maggior parte i casi britannici possono essere asintomatici o pauci-sintomatici, è vero che possono esserci forme più importanti, soprattutto fra i non vaccinati, tali da richiedere un ricovero“. Occorre sottolineare che Oltremanica si viaggia con ritmi di poco meno di 1 milione di tamponi al giorno: dunque la ‘fotografia’ che arriva dalla Gran Bretagna è piuttosto attendibile.

Ma il vero timore è che quello che stiamo vedendo in Gran Bretagna possa verificarsi, fra qualche settimana, anche da noi. Un po’ come è accaduto più volte in passato.

“Fare previsioni è molto difficile – ammonisce l’esperto – perché le varianti hanno cambiato le carte in tavola, ma è anche vero che la Delta ormai è dominante. La scorsa settimana mi sono confrontato con colleghi dal Regno Unito, dalla Scozia, dalla Francia, dall’Olanda, dal Belgio, dalla Grecia e dalla Germania: nell’Europa continentale le vaccinazioni ha seguito un’approccio progressivo, a differenza ad esempio di Israele. Qui la popolazione è stata vaccinata tutta insieme, e l’eventuale calo dell’immunità che magari riguarda solo una fascia di persone si è palesato immediatamente. Da noi questo invece accade, o accadrà, in modo progressivo. E questa nostra progressività può essere un elemento importante per capire cosa succederà. Adesso comunque in Italia stiamo superando la quarta ondata, gli ospedali e le terapie intensive sono tranquilli. E questo è dovuto alla vaccinazione”.

Insomma, i vaccini funzionano, e le prove sono davanti ai nostri occhi. Ma potremo ancora parlare di immunità di gregge? “Dobbiamo dire che l’Italia sta andando meglio, ma le varianti hanno un po’ cambiato lo scenario: con la prima ondata Covid si riteneva che con il 65% di soggetti vaccinati si potesse raggiungere l’immunità di gregge, poi con la variante Alfa si è saliti al 70%. Dopodiché con la variante Delta una serie di modelli matematici hanno indicato che, di fatto, è molto difficile raggiungere un livello tale da poter parlare di immunità di gregge“.

Insomma, il 90% della popolazione vaccinata di cui si parla adesso è un numero ‘magico’ o un obiettivo cui tendere? “Anche se uno non riesce a raggiungere l’immunità di gregge, considerato che al di sotto dei 12 anni circa 6 milioni di italiani non sono vaccinabili, dobbiamo pensare che l‘obiettivo del 90% è alla nostra portata e che assicurerebbe una protezione importante per la popolazione”, riflette Cauda.

Insomma, occorre “puntare al 90% per poter guardare alla pandemia con occhi di maggiore tranquillità. La parola d’ordine adesso deve essere prudenza”. Con un po’ di ottimismo. “Il 90% di popolazione vaccinata sarebbe un risultato straordinario, ma abbiamo visto che i contagi stanno già diminuendo. Allora prudenza, e terza dose alle popolazioni che rischiano un po’ di più per età e patologie sottostanti. Contro Covid-19 servono prudenza e decisioni basate sui numeri”. Un approccio che, anche in questo caso, appare diverso da quello adottato in Gran Bretagna.

Gileadpro
Leadership Forum
Poste Italiane

Leggi anche

Ultima ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.