ABOCA
WOBI HEALTH

Guerra e prezzi record, gli allevatori (e gli investitori) puntano sugli insetti

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
insetti mosche soldato nere mangime agricoltura allevatori allevamento
Aboca banner articolo

Poco dopo l’ingresso dei carri armati russi in Ucraina alla fine di febbraio, gli allevatori di mezzo mondo hanno subito le conseguenze della guerra. Come calcolato dall’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura, la Fao, i prezzi delle materie prime alimentari – dal grano alla soia – sono saliti a livelli record.

La guerra è stata la “catastrofe in cima alla catastrofe”, ha detto Svein Tore Holsether, Ceo del gigante dei fertilizzanti Yara International e tra i primi ad avvertire che la guerra in Ucraina avrebbe portato a una crisi alimentare globale.

Il conflitto ha anche innescato un grande ripensamento in tutta Big Ag – le grandi industrie agricole – e i primi segnali di una trasformazione si possono riscontrare in alcuni degli angoli emergenti del settore alimentare. Ne è un esempio una nuova fabbrica nella periferia della città portuale di Bergen op Zoom, sede della startup tecnologica olandese Protix.

Non molto tempo dopo l’invasione dell’Ucraina, come rivelato dal fondatore e Ceo di Protix Kees Aarts – la società ha iniziato a ricevere un numero crescente di chiamate interessate da aziende e governi. Una chiamata che ha attirato particolarmente la sua attenzione è venuta da un governo europeo. “Il Paese vuole ridurre la sua dipendenza dalle importazioni”. La grande richiesta dei potenziali clienti? Insetti.

“Insetti per nutrire il mondo”

Protix fa parte di quel piccolo numero di startup che ogni anno alleva milioni e milioni di Hermetia illucens – anche note come mosche soldato nere, molto diffuse in tutta l’Eurasia e il Nord America.

Gli entomologi sono stati a lungo interessati alla mosche soldato nere perché i loro esemplari giovani sono prodigiosi decompositori di rifiuti alimentari e possono convertire le nostre montagne di scarti in proteine e nutrienti vitali per il suolo. Più di un decennio fa, gli scienziati della Fao hanno individuato in questo tipo di insetto una chiave per risolvere due enormi problemi che attanagliano il pianeta: affrontare lo spreco alimentare e offrire una nuova fonte di cibo proteico che potrebbe aiutare miliardi di persone a non morire di fame.

Nel maggio 2014, l’organismo delle Nazioni Unite ha invitato un piccolo gruppo di ricercatori e imprenditori dell’agricoltura sostenibile a riunirsi nel campus dell’Università di Wageningen nei Paesi Bassi per cercare di avviare un’industria attorno alle mosche soldato nere. Tra le aziende c’erano Protix, la società americana EnviroFlight (da allora venduta a Darling Ingredients), Enterra Feed del Canada e AgriProtein Technologies del Sud Africa. Il nome dell’evento ha svelato le ambizioni planetarie della Fao: “Insetti per sfamare il mondo“.

Durante l’evento si potevano assaggiare grilli in insalata verde e pietanze a base di mosca soldato nera. Lì Nutrix ha parlato delle sfide dietro l’allevamento di insetti su scala industriale – il punto debole è la raccolta della prole larvale dell’insetto e la conversione in mangime per bestiame o animali domestici – convincendo gli enti normativi che si trattava di un qualcosa di sicuro per il consumo umano e animale.

Via libera dell’Ue

Dopo anni di dibattiti e pressioni, il settore ha finalmente avuto il suo momento di gloria quando l’Unione europea la scorsa estate ha dato il via libera agli agricoltori, consentendo loro di nutrire i polli e i maiali con gli insetti. Gli allevatori ittici sono stati i primi a ottenere l’approvazione, alcuni anni prima. L’impatto sul business è stato improvviso.

Secondo Aarts, l’anno scorso i consumatori hanno acquistato da Protix 75 mln di euro di prodotti a base di insetti nei 15 Paesi in cui opera. I più grandi profitti sono arrivati grazie ai fornitori di alimenti per animali domestici, ma anche la porzione di mangime per animali sta crescendo rapidamente. Si tratta di una piccola fetta del mercato globale dei mangimi per animali – che vale mezzo trilione di dollari – ma il settore dei mangimi con insetti dovrebbe svilupparsi ora che i regolatori di tutto il mondo stanno iniziando a fare progressi. I ricercatori della società di servizi finanziari olandese Rabobank si aspettano che la domanda di insetti proteici cresca di 50 volte, fino a mezzo milione di tonnellate all’anno entro la fine del decennio.

Gorjan Nikolik di Rabobank, uno degli autori del rapporto sul mercato dei mangimi per insetti, afferma che l’impennata dei prezzi degli ingredienti per mangimi – aggravati dalla guerra in Ucraina – potrebbe facilmente diventare un grande acceleratore per questi nuovi mangimi.

L’altro problema è la necessità di approvvigionamento locale. Secondo Aarts serve una visione di lungo periodo. “Cosa faremo quando la guerra sarà finita?”, chiede retoricamente. Bisogna anche concentrarsi su come la società si adatterà alla questione più duratura del cambiamento climatico e del suo impatto sull’approvvigionamento alimentare globale. “Il problema strutturale è l’aumento delle temperature, i modelli meteorologici volatili e quindi una produttività delle colture più imprevedibile”.

“Se l’incertezza nell’approvigionamento di prodotti agricoli aumenta”, continua, “aumenta anche la domanda di fonti innovative e più affidabili”. Gli agricoltori e i ministeri dell’agricoltura “sono alla ricerca di prodotti alimentari più locali e affidabili. Niente è più locale e affidabile degli insetti”, afferma Aarts.

insetti mosche soldato nere mangime agricoltura allevatori allevamento

Come funziona

Nella fabbrica di Protix, l’azienda ha dato vita ad una coltivazione verticale che si fonda su una strategia rifiuti-zero. Le mosche soldato nere sono allevate in camere di accoppiamento a temperatura controllata. Le uova vengono quindi raccolte e trasportate in camere separate dove crescono su prodotti di scarto vegetali forniti dalla comunità locale. Una volta che le larve raggiungono una certa dimensione, vengono raccolte e convertite in pasto o liquido.

Protix calcola di poter produrre l’equivalente di 10,000 tonnellate di proteine per ettaro all’anno, una frazione della terra che Big Ag richiede per coltivare ed elaborare le colture e altre fonti proteiche che vanno ad alimentare gli animali.

A febbraio, prima della guerra, Protix ha annunciato una prima tranche di 50 mln di euro per finanziare il suo sviluppo internazionale. L’obiettivo per Protix e altri è quello di costruire fattorie verticali nei mercati di tutto il mondo dove possono prendere i rifiuti alimentari dai centri urbani e convertirli in proteine per gli animali nelle fattorie vicine.

I finanziamenti di venture capital sono piovuti su questo giovane settore. Nel mese di ottobre 2020, la startup francese Ynsect è divenuta celebre dopo aver ottenuto un finanziamento di 372 mln di dollari. Tra gli investitori c’era l’attore Robert Downey Jr. e la sua Investment vehicle FootPrint coalition. Ynsect si distingue dalle altre startup perchè il suo insetto è la tarma della farina.

Aarts ha preferito concentrarsi sul potenziale di mercato piuttosto che sui round di finanziamento. Si rivolge ai suoi clienti, che stanno optando sempre più per i nutrienti a base di insetti rispetto agli ingredienti per mangimi convenzionali come il nocciolo di palma o l’olio di soia, e non solo perché questi ultimi provengono spesso da luoghi lontani come il Sud America o il sud-est asiatico.

Un cliente importante è il gigante olandese dei mangimi per l’agricoltura, Coppens Diervoeding.

Con l’aiuto di Protix, nel 2016 Coppens ha sviluppato un olio a base di insetti per nutrire i maiali. I primi studi hanno mostrato che l’olio ha portato a potenziare il sistema immunitario degli animali, abbassando l’incidenza di diarrea e persino i tassi di mortalità. Un secondo prodotto si è dimostrato efficace nell’eliminare quasi due batteri debilitanti che comunemente influenzano la salute dei maiali. Il che significava che gli animali giovani potevano ricevere meno antibiotici nei primi anni cruciali della crescita.

La scorsa estate, quando l’Ue ha finalmente approvato il mangime contenente insetti come cibo per maiali e polli, l’azienda ha salutato la mossa come una vittoria per gli agricoltori. Il mangime contenente insetti, ha dichiarato il Ceo Hendrik de For, “è una parte fondamentale della nostra soluzione per contribuire a una produzione zootecnica più sostenibile”.

Nikolic di Rabobank pensa che i mangimi a base di insetti guadagneranno quote di mercato per motivi nutrizionali e ambientali. Le aziende Ag sono sempre più interessate ad aumentare la qualità della dieta degli animali e, allo stesso tempo, a comunicare al mercato che stanno acquistando gli ingredienti localmente, per raggiungere l’obiettivo zero-emissioni.

Gli insetti, dice, sono “un ingrediente che fornirà buone prestazioni (nell’allevamento del bestiame) e fornirà credenziali di sostenibilità”.

L’articolo originale è su Fortune.com

CDP1Advertisement
CDP2Advertisement
WBF

Leggi anche

CDP1Advertisement
CDP2Advertisement
WBF
A2A

Ultim'ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.