ABOCA
WOBI HEALTH

Consumi energetici alle stelle, l’analisi Enea

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Cara bolletta, quanto mi costi. Crescono del 2,5% i consumi di energia nel periodo gennaio-marzo del 2022, facendo registrare il segno più per il quinto trimestre consecutivo. Sono ancora lontani i livelli dei consumi del pre-pandemia, ma oggi il contesto è aggravato dalla scarsità delle risorse energetiche, in conseguenza al conflitto russo-ucraino.

La situazione generale non è rosea, sono infatti in crescita anche le emissioni di CO2 (+8%) a causa del maggior utilizzo di fonti fossili (+7%) e della contrazione dell’import di energia elettrica (-20,5%) e delle rinnovabili elettriche (-9,5%), a cui si aggiunge il crollo dell’idroelettrico (-40%), che non viene affatto compensato dal pur interessante incremento di eolico e solare (+11%).

Ne risulta fortemente penalizzato l’Ispred, l’indice che misura la transizione energetica, che si attesta al -29%. “A questi livelli – spiega Francesco Gracceva, il ricercatore Enea che coordina l’analisi – per rispettare i nuovi obiettivi europei Fit for 55, che puntano alla riduzione del 55% entro il 2030 delle emissioni nette dell’Ue rispetto al 1990, sarà necessario attuare un taglio di oltre 100 milioni di tonnellate di CO2 nei prossimi otto anni”.

I consumi energetici sono comunque cresciuti meno del Pil a causa del calo della produzione industriale, dell’inverno mite, ma anche dei prezzi record che hanno contribuito a frenare la domanda, in particolare quella di gas negli usi diretti: -8% nell’industria, -2% nel civile. Tuttavia la forte ripresa dei volumi di traffico di passeggeri e merci su strada, tornati ai livelli pre-pandemia, porta a stimare una crescita dei consumi di energia ben superiore al 2% anche nel secondo trimestre, con una previsione di oltre il 2% per tutta la prima metà dell’anno.

Si tratta di valori che superano la media dell’Eurozona, dove l’incremento trimestrale è stato di poco superiore all’1%. E’ cresciuto il prezzo medio di borsa dell’elettricità, che nel primo trimestre 2022 ha superato i 250 €/MWh, quattro volte maggiore dei costi di un anno fa e la media del primo semestre resterà ampiamente al di sopra dei 200 €/MWh, il doppio rispetto al 2021.

È inoltre tornato a salire il differenziale tra il prezzo italiano e quello delle altre principali borse europee: guardando alla borsa tedesca la differenza assoluta non era mai stata tanto elevata, quasi 70 €/MWh, mentre la differenza percentuale si avvicina al 40%, quasi il doppio di un anno fa. Gli interventi del Governo hanno attenuato l’impatto sui consumatori, ma i prezzi hanno comunque raggiunto nuovi record storici nel trimestre (+55% per le famiglie, +40% per le imprese) e nei primi quattro mesi dell’anno risultano in aumento più marcato che negli altri Paesi Ue.

La situazione non cambia anche rispetto al gas naturale, i cui prezzi al consumo si sono attestati nel I trimestre a 1,4 €/m3 per i consumatori, un valore quasi doppio rispetto a un anno fa. Nonostante il leggero calo nel II trimestre, dovuto agli interventi governativi, per i primi sei mesi dell’anno si prevede un incremento di oltre il 60% rispetto ai massimi raggiunti nella prima metà 2019.

Nel mentre il Governo prova a correre ai ripari, accelerando sui decreti attuativi, e molti cittadini hanno cominciato ad attuare spontaneamente degli atteggiamenti energetici virtuosi, volti al risparmio ed al contenimento dei consumi. Il vero tema resta però quello delle aziende, che stanno ripartendo, e dell’aumento dei costi di produzione che è destinato a ricadere sui consumatori, con conseguenze che sono già tangibili, se si guarda al tasso di inflazione del maggio 2022 pari al 6,8%, e vicino al massimo storico del 7%, che sembrava relegato nell’album dei brutti ricordi del 1986.

Dal punto di vista energetico, per le aziende in particolare, resta l’obiettivo di affrancarsi dal gas russo, in tempi rapidi, e questo ha giù già avuto alcuni effetti di rilievo in Italia: nei primi cinque mesi del 2022  la quota delle importazioni di gas dalla Russia sul totale è scesa in media sotto il 24% rispetto a circa il 40% nello stesso periodo 2021, con un calo del 41%, con punte al di sotto del 20% in aprile e maggio e superata anche dalla quota del gas algerino 31%.

Questa analisi trimestrale del sistema energetico italiano punta a valutare e leggere in chiave strategica i fattori che caratterizzano il sistema energetico nazionale, valutare le tendenze del “trilemma energetico”, ovvero le tre dimensioni della politica energetica: decarbonizzazione, sicurezza e costo dell’energia. L’analisi è in linea con l’obbligo di svolgere attività di monitoraggio della transizione energetica, previsto dal 2017 per gli Stati membri dell’Unione europea.

servier 2022
ABOCA BANNER
CDPimpreseAdvertisement
CDPPAAdvertisement

Leggi anche

servier 2022
ABOCA BANNER
CDPimpreseAdvertisement
CDPPAAdvertisement

Ultim'ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.