GILEAD

Demenza, identikit dei Centri in Italia

Gilead

Rispetto al 2019, prima della pandemia, quando l’Istituto superiore di sanità denunciava la ‘giungla’ dei Centri di assistenza ai pazienti con demenza, in Italia non è cambiato poi molto. I nuovi dati raccolti dall’Osservatorio Demenze dell’Iss che prendono in considerazione il periodo tra luglio 2022 e febbraio 2023 parlano chiaro: per ogni struttura ci sono cinque professionisti (per circa 1,2 milioni di persone che vivono con una demenza nel nostro Paese), e un quarto dei Centri è aperto solo un giorno a settimana.

Ebbene sì. Negli oltre 500 Centri per i Disturbi cognitivi e le demenze (Cdcd) sparsi sul territorio nazionale, lavorano in media cinque professionisti. Un terzo circa di questi Centri è diretto dal neurologo, un altro terzo dal geriatra e in poco meno di un altro terzo operano almeno due delle tre figure mediche fondamentali (neurologo, geriatra, psichiatra). Mentre nel 5% dei casi a coordinare è lo psichiatra.

Scarseggiano dunque altre tipologie di professionisti: infermieri, fisioterapisti, logopedisti, mediatori culturali. La percentuale di terapisti occupazionali, ad esempio, è dell’1,1%. “Questi dati fotografano le criticità dell’offerta sanitaria presente in Italia per i Cdcd”, ha osservato Nicola Vanacore, direttore dell’Osservatorio Demenze dell’Iss.

“In una logica di sanità pubblica è fondamentale poter disporre nei Cdcd, un nodo cruciale per la diagnosi e la presa in carico delle persone con demenza, di un maggior numero di professionisti e di personale con diversi profili al fine di poter valorizzare sempre più un lavoro di equipe interprofessionale e di renderlo disponibile e capillare in tutto il territorio nazionale. Si tratta di dati molto importanti poiché parliamo di un problema che coinvolge in Italia circa due milioni di persone con disturbo cognitivo lieve o demenza e circa tre milioni di italiani, tra familiari e caregiver, che vivono con loro”, ha detto il direttore.

All’indagine hanno partecipato 512 Cdcd su 540 (95%). L’80.9% di questi Cdcd è presente sul territorio nazionale con sedi uniche mentre il 19.1% ha dei distaccamenti territoriali per un totale complessivo di ulteriori 163 strutture. I Cdcd sono localizzati per il 9.2% nelle Università/Ircss, per il 44.1% nel territorio e per il 46.7% negli ospedali.

Nello specifico, il 25.4% dei Cdcd è aperto un solo giorno a settimana. E i Cdcd aperti per 5 giorni a settimana si trovano per il 43.5% al Nord, mentre al Centro sono il 27.5% e al Sud-Isole il 24.6%

Le modalità di accesso

Dall’indagine è emerso – e la possibilità di risposta era multipla – che, per effettuare la prima visita, nel 53% dei casi, l’accesso è avvenuto tramite impegnativa del medico di medicina generale (Mmg) per visita specialistica e contatto col Cup regionale. Nel 47% è servita la stessa impegnativa e il contatto col Cup dell’ospedale. Nel 43% l’impegnativa e il contatto col Cdcd. Nel 4.5% c’è stata la possibilità di un contatto diretto con il Cdcd da parte del Mmg o dei medici ospedalieri.

La stessa modalità di accesso è stata usata per la successiva visita di controllo: nel 29% dei casi attraverso l’impegnativa e il Cup regionale, nel 30% attraverso l’impegnativa e il Cup dell’ospedale, nel 41% dei casi attraverso il Mmg.

I servizi offerti nella fase diagnostica e assistenziale

Nella fase diagnostica il 66.5% dei Cdcd ha offerto una Pet amiloidea (che valuta la presenza di placche a livello cerebrale) e nel 62.3% dei casi i marker liquorali, mentre nella fase assistenziale il 45.7% ha fornito un servizio di telemedicina e l’80.7% un counseling individuale per i pazienti. Inoltre il 67.4% dei Cdcd offre una riabilitazione cognitiva e il 59.2% una riabilitazione motoria.

I Centri durante la pandemia

Nel 2020 il 63.2% dei Cdcd è rimasto parzialmente chiuso, di questi circa il 44% per più di tre mesi. Questo dato si è ridotto nel 2021 al 18.4% con una percentuale di chiusura superiore a tre mesi pari a circa il 40%.

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.