GILEAD
Leadership Heade
Poste Italiane

Trapianti di rene da vivente fra Padova, Barcellona e Bilbao: salvate 3 persone/VIDEO

trapianti

L’Italia dei trapianti mette a segno un altro, importante risultato: una catena di donazioni e trapianti da vivente che ha salvato tre pazienti tra Italia e Spagna, in tre diversi ospedali. Il tutto grazie a una maratona chirurgica di 18 ore, lungo 2.713 km. Oggi, a due settimane dagli interventi, i riceventi e i donatori sono in ottime condizioni e i trapianti possono considerarsi riusciti, fanno sapere dal Centro nazionale trapianti.

Per la prima volta è stata realizzata una catena internazionale di donazioni e trapianti che ha coinvolto tre diverse città. Tutto è iniziato il 20 giugno scorso: il Centro nazionale trapianti per l’Italia e l’Organizacion nacional de trasplantes per la Spagna hanno coordinato l’esecuzione di tre prelievi e tre trapianti negli ospedali di Padova, Barcellona e Bilbao, incrociando tre coppie di donatori e riceventi tra di loro incompatibili dal punto di vista immunologico. Si tratta del quarto scambio “cross over” di reni tra Italia e Spagna (il primo fu effettuato nell’agosto 2018). Ma questa volta parliamo di un primato: in tutti i casi precedenti erano state coinvolte solo due coppie alla volta, una per ciascun Paese.

Il primo prelievo a Padova

La catena di interventi è partita dall’Italia. Alle 8.30 del 20 giugno all’Azienda ospedaliero-universitaria di Padova la professoressa Lucrezia Furian ha prelavato un rene su una donatrice volontaria di 56 anni, moglie di un paziente 61enne di difficilissima trapiantabilità, iperimmunizzato e bisognoso di un nuovo rene per la terza volta. Al termine dell’intervento, l’organo è stato trasportato immediatamente all’Aeroporto di Milano-Linate con il coordinamento del Centro regionale trapianti del Veneto diretto dal dottor Giuseppe Feltrin e grazie al supporto della Polizia Stradale e del servizio 118 dell’Azienda padovana.

La consegna del primo rene a Padova

L’arrivo in Spagna

L’organo è decollato alle 13 con un volo sanitario ed è arrivato all’aeroporto di Barcellona alle 14.30. Nello scalo catalano è stato effettuato il primo scambio: il rene della donatrice italiana è stato preso in consegna dagli operatori sanitari dell’Hospital Clinic per realizzare il primo trapianto, mentre a bordo del velivolo è stato portato un secondo organo, prelevato intorno alle 12 da una donatrice spagnola.

La partenza del rene da Barcellona

La seconda tappa a Bilbao

L’aereo è ripartito alla volta di Bilbao, dove alle 16.30 è avvenuto lo scambio successivo: il rene della donatrice di Barcellona è stato portato all’Hospital Universitario de Cruces per il secondo trapianto e un terzo rene, prelevato nel nosocomio basco, è stato imbarcato con destinazione Milano. Il trasporto aereo si è concluso alle 18.30 a Linate, da dove l’ultimo organo è stato immediatamente trasportato a Padova dalla Polizia Stradale.

L’intervento in Italia

Alle 20.30 è iniziato sul paziente italiano il terzo trapianto, eseguito dal professor Paolo Rigotti, direttore del locale Centro trapianti di rene e pancreas. L’intervento si è concluso dopo le 2 di notte. A due settimane dagli interventi, i riceventi e i donatori sono in ottime condizioni e i trapianti possono considerarsi riusciti.

L’arrivo del terzo rene a Linate

La tripla donazione incrociata è stata realizzata grazie alla South Alliance for Transplant (SAT), un accordo internazionale che vede coinvolti Italia, Spagna, Francia e Portogallo per individuare programmi comuni di cooperazione con l’obiettivo di dare maggiori possibilità di ricevere un organo soprattutto ai pazienti di difficile trapiantabilità.

Una strategia salvavita

Questo obiettivo è stato raggiunto grazie a “un enorme impegno di valutazione clinica prima e di pianificazione organizzativa poi, per sincronizzare perfettamente il lavoro di tutte le equipe e di centinaia di operatori – spiega Massimo Cardillo, direttore del Centro nazionale trapianti – a vantaggio di un tipo di pazienti che altrimenti avrebbero pochissime chance di trovare un organo compatibile. Si tratta quindi di un evento eccezionale, ma che si inserisce nello sforzo più ampio che stiamo mettendo in campo per la promozione della donazione di rene da vivente, che nella stragrande maggioranza dei casi può avvenire direttamente tra coppie correlate”.

Gli interventi da vivente

In Italia, dice Cardillo, ne facciamo ancora troppo pochi: nel 2022 sono stati 335, poco più del 16% del totale dei trapianti renali. Tanto che “in lista d’attesa abbiamo ancora oltre 6mila persone”. Per Cardillo è fondamentale dunque rassicurare pazienti e familiari: “La donazione da vivente è una procedura ampiamente sperimentata, comporta rischi bassissimi per il donatore mentre i trapianti di questo tipo raggiungono risultati mediamente molto positivi. Incentivare questo tipo di attività è uno dei modi migliori che abbiamo per poter dare un’opportunità a migliaia di persone costrette a una lunga attesa in dialisi”. Un gesto di generosità che richiede un’organizzazione perfetta ma consente anche al donatore di toccare con mano l’impatto della propria scelta.

Gileadpro
Leadership Forum
Poste Italiane

Leggi anche

Ultima ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.