GILEAD

Covid, avanza JN.1: come riconoscere la nuova variante

coronavirus Pirola
Gilead

I livelli di Covid nelle acque reflue stanno aumentando rapidamente negli Stati Uniti. Ma allora il tuo malanno invernale è causato dalla più recente piaga che ha colpito l’umanità o da qualcosa di completamente diverso?

Come sempre, è impossibile distinguere solo dai sintomi Covid-19 dall’influenza, dal Rsv e da altri comuni patogeni invernali come i rhinovirus, gli enterovirus e i virus parainfluenzali. Un fatto che si conferma vero anche con la nuova sottovariante di Pirola JN.1. Inoltre, è possibile avere due o più infezioni contemporaneamente.

I test, presso una struttura sanitaria o a casa (nel caso di Covid), sono l’unico vero modo per determinare la fonte della malattia. E se i sintomi sono lievi e non soffri di altre patologie, la causa potrebbe non avere tutta questa importanza.

Tuttavia, con una nuova variante di Covid che fa notizia, è lecito chiedersi se i sintomi siano cambiati o se precauzioni come l’uso della mascherina siano di nuovo necessarie. Ecco cosa occorre sapere per gestire le malattie invernali. 

I sintomi di JN.1 sono diversi dai normali sintomi Covid?

Il verdetto è ancora incerto. I casi di diarrea, che potrebbero essere correlati, sono in aumento. Intanto si diffonde la supposizione che il virus potrebbe stabilirsi nell’intestino – rispetto alle vie respiratorie superiori, dove solitamente si trova Omicron, o alle vie respiratorie inferiori, dove i ceppi iniziali di Covid hanno causato danni.

Gli esperti consigliano quindi di prestare attenzione ai sintomi gastrointestinali, perché potrebbero essere segnali di Covid e non soltanto dell’influenza intestinale. Ma come sottolinea il dottor Amesh Adalja, senior scholar presso il Johns Hopkins Center for Health Security, Covid-19 ha sempre causato sintomi gastrointestinali in alcuni, tra cui nausea, vomito e diarrea.

Altrimenti, occhio ai soliti sintomi di Covid, che potrebbero includere:

  • Febbre
  • Brividi
  • Tosse
  • Dispnea/difficoltà respiratoria
  • Affaticamento
  • Dolori muscolari/corporei
  • Mal di testa
  • Mal di gola
  • Congestione/naso che cola

JN.1 sta causando casi più gravi di Covid?

Ancora una volta, il verdetto è sospeso. Quello che sappiamo, però, è che le ospedalizzazioni per Covid stanno aumentando negli Stati Uniti e altrove, così come i casi di JN.1.

Negli Stati Uniti, al 16 dicembre le ospedalizzazioni per Covid erano aumentate del 10% da una settimana all’altra, secondo gli ultimi dati sanitari federali. E le proiezioni davano JN.1 come la variante più diffusa negli Stati Uniti, responsabile del 44% dei casi al 22 dicembre.

A livello globale, le sequenze segnalate di JN.1 sono aumentate di otto volte in un periodo di tre settimane da fine novembre a inizio dicembre, secondo l’aggiornamento Covid del 22 dicembre dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. Le ospedalizzazioni segnalate sono aumentate del 23% a livello globale durante quel periodo.

Ma la correlazione non implica necessariamente la causalità. È importante notare che il sequenziamento dei campioni di Covid e la segnalazione di vari indicatori come le ospedalizzazioni e le morti sono notevolmente diminuiti dall’apice della pandemia, il che significa che le statistiche potrebbero sembrare fuorvianti. Ad esempio: le ospedalizzazioni potrebbero essere in aumento più rapidamente di quanto ci rendiamo conto. O forse JN.1 è responsabile di una quota minore di sequenze di quanto sappiamo.

È anche importante notare che, mentre le ospedalizzazioni per Covid sono in aumento a livello globale, JN.1 potrebbe non essere interamente responsabile. L’immunità della popolazione, o la resistenza collettiva a un virus in un gruppo di persone a causa della vaccinazione e/o di precedenti infezioni, diminuisce dopo tre o sei mesi, in media. Con una bassa adozione di vaccini e richiami contro Covid – solo l’18% degli adulti americani ha ricevuto l’ultimo richiamo – la malattia si diffonderà in modo più ampio, e gli esiti gravi come le ospedalizzazioni e le morti potrebbero diventare più comuni, indipendentemente dalla variante.

I test Covid funzionano ancora contro JN.1?

Gli esperti sostengono che i test Covid fatti a casa siano ancora accurati. Ma avvertono che molte persone infette fanno il test troppo presto o troppo tardi, quando le cariche virali sono basse e quindi con scarsa probabilità di dare un risultato positivo al test. Se hai sintomi ma il test è negativo, aspetta altri due giorni e poi riprova, consigliano gli esperti.

Quali virus stanno circolando negli Stati Uniti questo inverno?

In breve: i soliti sospetti. Circa il 12% di tutti i test per Covid, influenza e Rsv eseguiti negli Stati Uniti davano risultati positivi a metà dicembre, secondo gli ultimi dati disponibili dai Centri per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie degli Stati Uniti. Per avere un’idea, un obiettivo ormai abbandonato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità e da altre agenzie di sanità pubblica era un tasso di positività al test inferiore al 5%, per le comunità che volevano abbandonare le precauzioni della pandemia.

Dovrei indossare la mascherina?

Gli esperti lo stanno raccomandando sempre di più, e non solo a causa di Covid. Alcuni ospedali, come quelli di New York e dell’Illinois, stanno nuovamente richiedendo l’uso delle mascherine per l’alta circolazione di patogeni respiratori nella loro area. E la contea di Yolo, nella California del Nord, raccomanda l’uso delle mascherine negli spazi pubblici a causa dell’incremento dei livelli di Covid e Rsv.

Il dottor Stuart Ray, vicepresidente della medicina per l’integrità dei dati e l’analisi presso il Dipartimento di Medicina della Johns Hopkins, raccomanda di “indossare la mascherina negli spazi pubblici, specialmente al chiuso, quando non interferisce con compiti essenziali. Tra l’altro è anche un buon modo per mantenere caldo il viso”, aggiunge. 

L’articolo originale è disponibile su Fortune.com

Leggi anche

Ultima ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.