fbpx

Partnership Walgreens-Microsoft, al via sodalizio pharma-tech

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Una partnership strategica di 7 anni con lo scopo di fondere l’intelligenza artificiale e l’infrastruttura cloud di Microsoft con l’esperienza nel retail e nei servizi di assistenza ai pazienti di Walgreens Boots Alliance Inc, per creare nuovi approcci hi-tech di accesso alle cure e assistenza ai pazienti.

Così – mentre sull’industria dell’healthcare incombe la minaccia di Amazon –  i player tradizionali del settore, e nel caso specifico una delle più grandi catene farmaceutiche del paese, decidono di dare una rinfrescata al sistema traendo vantaggio competitivo dal sodalizio pharma-tech.

Sguardo rivolto all’innovazione, nel corso dell’anno Walgreens aprirà all’interni dei suoi punti vendita fino a 12 “corner della salute digitale” focalizzati sulla vendita di dispositivi orientati a migliorare la salute. I clienti Walgreens stanno già godendo dei primi frutti della partnership, e possono così accedere alle cure virtuali on-demand, contribuendo anche alla costruzione dell’infrastruttura che raccoglie tutti i dati e le pipeline dei sistemi di informazione che consentiranno ai medici di supportare meglio l’aderenza alle terapie farmacologiche, deviare costose visite al pronto soccorso e ridurre le riammissioni ospedaliere. L’IA svolgerà un ruolo chiave nell’interpretazione e rielaborazione dei dati dei pazienti di Walgreens con lo scopo di tenere sotto controllo gli esiti delle terapie e determinare quali siano i farmaci e gli approcci più efficaci.

Come parte dell’accordo, Microsoft fornirà il cloud a Walgreens e la società farmaceutica trasferirà la maggior parte della sua infrastruttura IT sulla piattaforma Microsoft Azure. Walgreens distribuirà inoltre la suite software Microsoft365 ai suoi oltre 380.000 dipendenti in tutto il mondo. Le società si sono inoltre impegnate in una partnership pluriennale in R&D per sviluppare prodotti sanitari tecnologici, che potrebbero portare alla creazione di centri di innovazione congiunti.

Dopo l’acquisizione di Aetna da parte di CVS Health, Walgreens è partita in quarta alla ricerca di partner che potessero contribuire ad ampliare il business della vendita al dettaglio in farmacia. Ne sono un esempio il recente accordo con Humana e quello con Verily, il ramo lifescience di Alphabet, per ridurre le spese sanitarie.

“La nostra partnership strategica con Microsoft dimostra il nostro forte impegno nella creazione di soluzioni di assistenza sanitaria integrate di nuova generazione e digitali per i nostri clienti, che trasformano i nostri negozi in moderne aree dedicati alla salute, con offerte ai clienti sempre più estese”, ha detto Stefano Pessina, ceo di Walgreens Boots Alliance.

Leggi anche