fbpx

Msd: facciamo quello che non c’è ancora

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

In un momento storico in cui l’healthcare è il primo settore per investimenti in ricerca e sviluppo a livello globale, per promuovere la corsa di chi fa innovazione sul campo, Msd Italia ha istituito un premio per i giovani ricercatori: Il ‘Premio Umberto Mortari’ per la ricerca scientifica nell’ambito delle Life Science, dedicato alla memoria di Umberto Mortari, presidente e amministratore delegato della consociata italiana di Merck & Co. dal 1992 al 2007.

Il premio, organizzato con la collaborazione di Fortune Italia, è andato a due ricercatori under 40: Velia Siciliano e Simone Sidoli, che si sono distinti per il merito scientifico, l’originalità e l’impatto del loro lavoro.

In occasione del premio, e dell’evento ‘Inventing for Life – Health Summit’, abbiamo intervistato Julie Gerberding, vicepresidente esecutivo di Msd, che ha parlato della mission dell’azienda: vaccini e nuovi farmaci contro la diffusione delle malattie infettive e le patologie croniche. Puntando sull’innovazione e la centralità del paziente: “inventiamo cose che non esistevamo prima o vogliamo fare cose che migliorano quello che c’è già. Vogliamo fare cose che fanno una profonda differenza. Questo è il senso dell’innovazione per noi”.

 

La versione completa di questo articolo è disponibile sul numero di Fortune Italia di aprile.

Leggi anche