8 Aprile 2019

Msd: facciamo quello che non c’è ancora

Fortune

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

In un momento storico in cui l’healthcare è il primo settore per investimenti in ricerca e sviluppo a livello globale, per promuovere la corsa di chi fa innovazione sul campo, Msd Italia ha istituito un premio per i giovani ricercatori: Il ‘Premio Umberto Mortari’ per la ricerca scientifica nell’ambito delle Life Science, dedicato alla memoria di Umberto Mortari, presidente e amministratore delegato della consociata italiana di Merck & Co. dal 1992 al 2007.

Il premio, organizzato con la collaborazione di Fortune Italia, è andato a due ricercatori under 40: Velia Siciliano e Simone Sidoli, che si sono distinti per il merito scientifico, l’originalità e l’impatto del loro lavoro.

In occasione del premio, e dell’evento ‘Inventing for Life – Health Summit’, abbiamo intervistato Julie Gerberding, vicepresidente esecutivo di Msd, che ha parlato della mission dell’azienda: vaccini e nuovi farmaci contro la diffusione delle malattie infettive e le patologie croniche. Puntando sull’innovazione e la centralità del paziente: “inventiamo cose che non esistevamo prima o vogliamo fare cose che migliorano quello che c’è già. Vogliamo fare cose che fanno una profonda differenza. Questo è il senso dell’innovazione per noi”.

 

La versione completa di questo articolo è disponibile sul numero di Fortune Italia di aprile.

A portata di click

Acquista Fortune in formato digitale per leggere i nostri contenuti su qualsiasi dispositivo.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selezione degli articoli di Fortune.