Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement
alfasigma footer 1

Covid, se l’Italia produrrà vaccini a mRna per l’Ue

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
vaccini

Mentre la campagna per la somministrazione dei vaccini anti-Covid ancora non decolla, le grandi manovre per l’autarchia vaccinale sembrano fare passi avanti.

Secondo indiscrezioni del ‘Financial Times’, infatti, il governo italiano “ha avviato colloqui con l’azienda americana Moderna, la svizzera Novartis e l’italiana ReiThera per produrre vaccini anti-Covid-19 a base di mRna nel nostro Paese”.

La ricostruzione, come riporta Adnkronos Salute, fa seguito alle notizie circolate di recente sulla possibilità che diversi impianti industriali del settore farmaceutico presenti sul nostro territorio vengano coinvolti nella produzione dei vaccini anti-Covid. Vaccini che non dovrebbero restare nel confini nazionali, ma sarebbero destinati ad aumentare la disponibilità dell’Unione europea.

“I recenti colloqui con Novartis e ReiThera – riferisce il quotidiano britannico – prevedono la possibilità di produrre in Italia il vaccino a mRna sviluppato dalla tedesca CureVac. A marzo Novartis ha firmato un accordo preliminare con CureVac per la produzione, il vaccino è ancora nella fase 3 della sperimentazione ma l’azienda tedesca ha dichiarato che entro maggio o giugno potrebbe essere approvato dall’Ema. ReiThera sta producendo il suo vaccino, che è ancora nella fase 2 e si basa su una tecnologia a vettore virale (adenovirus)”.

Novartis, ReiThera e CureVac “non hanno voluto commentare”, evidenzia il Ft che riporta come i colloqui “tra Novartis, ReiThera e il governo italiano sarebbero in una fase iniziale, e potrebbero non portare a un accordo finale”.

Sempre secondo il quotidiano economico britannico, “il presidente del Consiglio Mario Draghi avrebbe anche parlato direttamente con l’amministratore delegato di Moderna, Stéphane Bancel, senza però giungere a un accordo neppure preliminare perché l’azienda statunitense non sarebbe in grado di supervisionare il trasferimento della tecnologia necessaria ai siti produttivi italiani o di dotarli delle competenze necessarie per aumentare la produzione”.

Moderna – fa sapere la biotech americana – non commenta discussioni o trattative potenziali o in corso. Tuttavia, l’azienda “continua a essere in contatto con diversi paesi del mondo, compresa l’Italia, per una possibile cooperazione futura”.

Se dovesse andare in porto quanto emerge dalla ricostruzione del ‘Financial Times’, il nostro Paese potrebbe aumentare la capacità produttiva dei vaccini con tecnologia mRna e soddisfare l’intera Europa.

L’Ue sembra invece allontanarsi dai vaccini a vettore virale basati sull’adenovirus prodotti da AstraZeneca e Johnson&Johnson, dopo che molti Paesi hanno limitato o vietato l’uso del primo, da quando l’Ema, l’Agenzia europea del farmaco, ha riconosciuto che potrebbe provocare un effetto collaterale molto raro legato alla coagulazione del sangue. Del secondo – prosegue l’analisi – è stata per ora sospesa la distribuzione”, in attesa che l’Fda e l’Ema si pronuncino sugli eventi avversi registrati su sei cittadini statunitensi che hanno avuto episodi trombotici dopo essere stati vaccinati.

Teva Box
Flazio
Milteny Banner 1
Milteny Banner 2
British

Leggi anche

I più letti