Ricerca, Deutsche Bank e Telethon insieme per i giovani scienziati

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
ricerca

Un sostegno concreto ai giovani scienziati che in Italia fanno ricerca con qualità. È questa la causa che Fondazione Deutsche Bank Italia ha deciso di sostenere, insieme a Fondazione Telethon, attraverso il Telethon career award. Introdotta per la prima volta in occasione dell’ultimo bando per la ricerca extramurale, questa iniziativa ha offerto ai ricercatori più giovani la possibilità di ottenere,in aggiunta al finanziamento del progetto di ricerca, anche il sostegno al proprio salario.

Grazie a Fondazione Deutsche Bank Italia, la ricercatrice Maria Marchese dell’Irccs Fondazione Stella Maris, potrà avere un sostegno al salario per l’intera durata del suo progetto, centrato su una grave malattia genetica chiamata ceroidolipofuscinosi neuronale 5 (CLN5) e caratterizzata da epilessia resistente ai farmaci, deterioramento cognitivo e morte precoce.

Lo scopo principale di questo studio sarà l’analisi dei processi molecolari implicati nella genesi della malattia attraverso un nuovo organismo modello che permetterà di individuare nuove soluzioni terapeutiche per migliorare le possibilità di sopravvivenza e la qualità della vita dei pazienti.

Il Telethon Career Award si inserisce all’interno di ‘Born to Be’, un programma dedicato ai giovani che li aiuta a realizzare il loro potenziale attraverso percorsi di formazione e valorizzazione del talento, agevolando l’accesso all’istruzione e favorendo il loro inserimento nel mondo del lavoro.

“Siamo felici che Fondazione Deutsche Bank abbia scelto di affiancarci nel percorso di finanziamento della ricerca scientifica. Il Career Award premia giovani ricercatori competenti e motivati a costruire una carriera scientifica in Italia; investire nel loro futuro significa investire nel futuro di tutti noi”, ha dichiarato Francesca Pasinelli, direttore generale di Fondazione Telethon.

Si è mostrato soddisfatto per l’accordo anche Roberto Parazzini, Ceo di Deutsche Bank Italia e presidente della sua Fondazione: “Il Career Award rispecchia appieno i fondamenti del nostro programma globale Born to Be: contrastare le barriere, non solo sociali ma anche economiche, che impediscono ai giovani di realizzarsi e di diventare gli innovatori del futuro. Un aspetto di particolare importanza nel campo della ricerca medica, dove i successi professionali dei talenti possono significare miglioramenti per la società in generale”.

Fortune Italia
ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.

Fortune Italia