Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement
anima

Covid, Rt ancora in calo. Ricoveri in lieve aumento

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Covid

Sembra decisamente rallentare la corsa di Covid-19 in Italia: continua a scendere l’indice Rt che si attesta oggi a 0,92 (rispetto allo 0,97 della scorsa settimana), e cala anche l’incidenza. La penisola, dunque, si prepara a restare in zona bianca, con l’eccezione della Sicilia in giallo.

E’ la fotografia che emerge dalla bozza del monitoraggio settimanale dell’Istituto Superiore di Sanità (Iss), anticipata dall’Adnkronos Salute. Si tratta del monitoraggio relativo alla settimana 30 agosto-5 settembre, con dati aggiornati all’8 settembre.

Come anticipato, è in calo anche l’incidenza dei casi Covid ogni 100 mila abitanti che, secondo gli indicatori decisionali, che decretano l’eventuale cambio di colore delle regioni, nella settimana 3-8 settembre indicano il valore a 64 rispetto a 74 della scorsa settimana.

L’incidenza, seppure scesa, “rimane al di sopra della soglia settimanale di 50 casi ogni 100.000 abitanti – ricorda la bozza del monitoraggio – che potrebbe consentire il controllo della trasmissione basato sul contenimento ovvero sull’identificazione dei casi e sul tracciamento dei loro contatti”.

Ancora in lieve aumento, invece, i ricoveri di malati di Covid nei reparti di terapia intensiva e in quelli di area medica non critica, sempre secondo i dati relativi alla settimana 30 agosto-5 settembre, con dati aggiornati all’8 settembre.

Nel dettaglio, il tasso di occupazione in terapia intensiva dei pazienti Covid – si legge – aumenta infatti al 6,2% (rilevazione giornaliera ministero della Salute), con il numero di persone ricoverate in aumento da 544 (31/08/2021) a 563 (7/09/2021). Il tasso di occupazione in aree mediche a livello nazionale aumenta leggermente al 7,4%. Il numero di persone ricoverate in queste aree è in aumento da 4.252 (31/08/2021) a 4.307 (7/09/2021).

Tre le Regioni e Province autonome – Friuli Venezia Giulia, Lombardia e Provincia autonoma di Bolzano – che risultano classificate a rischio moderato questa settimana, contro le 17 della scorsa settimana. Le restanti 18 Regioni/Province autonome risultano dunque classificate a rischio basso.

Solo una, la Provincia autonoma di Bolzano, riporta un’allerta segnalata. Nessuna riporta molteplici allerte di resilienza, si legge ancora nella bozza all’esame oggi della Cabina di Regia.

La circolazione della variante Delta continua ad essere prevalente in Italia. Questa variante è dominante nell’Unione Europea ed è associata ad un aumento nel numero di nuovi casi di infezione anche in altri paesi con alta copertura vaccinale. Una più elevata copertura vaccinale ed il completamento dei cicli di vaccinazione rappresentano gli strumenti principali per prevenire ulteriori recrudescenze di episodi di aumentata circolazione del virus sostenuta da varianti emergenti con maggiore trasmissibilità. Questa la raccomandazione ribadita nella bozza di monitoraggio.

“È opportuno realizzare un capillare tracciamento e contenimento dei casi, mantenere elevata l’attenzione – proseguono gli esperti – ed applicare e rispettare misure e comportamenti per limitare l’ulteriore aumento della circolazione virale”.

SAS ARTICOLO
SAS HEALTH
Animaaa
pfizer health

Leggi anche

I più letti