Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement
servier health

Intelligenza artificiale, piattaforma per il medico di famiglia

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
intelligenza artificiale

Dall’intelligenza artificiale un alleato per la gestione dei pazienti con malattie croniche. E’ stato infatti sviluppato un nuovo sistema intelligente che permette ai medici di medicina generale, attraverso l’accesso in un’unica piattaforma, di restare in contatto con i pazienti anche in remoto.

Un sistema che si aggiorna in tempo reale, analizzando i dati strutturati e non strutturati presenti nelle cartelle cliniche, generando insight a supporto del percorso di cura del paziente e del suo stato di salute, permettendo un intervento più efficace nel monitoraggio della aderenza alle terapie. È OPeNet, la piattaforma nata da una collaborazione tra Net Medica Italia, Novartis e IBM Italia che già oggi è utilizzata da più di 500 medici di famiglia su tutto il territorio nazionale.

La pandemia di Covid ha avuto un impatto significativo sulle prestazioni sanitarie, che hanno registrato un calo importante: una recente analisi condotta su 20 Paesi, tra i quali l’Italia, ha messo a confronto le prestazioni sanitarie fornite nei primi sei mesi del 2020 con quelle eseguite l’anno prima. I risultati hanno evidenziato una riduzione complessiva del 37% delle prestazioni sanitarie, più alta per le visite ambulatoriali (42%) e inferiore per i ricoveri (28%), la diagnostica (31%) e i trattamenti terapeutici (30%).

Una situazione che ha colpito in particolare l’assistenza sanitaria territoriale e l’accesso alle cure, gravando specialmente sulle persone con cronicità e sulla loro presa in carico. In Italia oggi i pazienti affetti da malattie croniche sono 24 milioni, pari a circa il 40% della popolazione, dei quali 12,5 milioni con multi-cronicità.

Il modello che mette l’ospedale al centro ha mostrato tutti i suoi limiti, sia nella gestione dei pazienti Covid sia dei pazienti cronici. OPeNet contribuisce, grazie all’intelligenza artificiale applicata al database assistenziale, a riequilibrare questa situazione, favorendo un’efficace “medicina di iniziativa”, che consente di offrire un’assistenza proattiva e personalizzata, attraverso la diagnosi precoce e la gestione in remoto, intervenendo prima che le patologie si aggravino e prima dell’ospedalizzazione. Parte integrante di questo nuovo modello è l’integrazione tra territorio e ospedale, creando un network tra medico di medicina generale e specialista.

Perché OPeNet? ‘Open‘, perché la piattaforma di Net Medica Italia permette di integrarsi e scambiare dati con i sistemi gestionali e le piattaforme utilizzate dai medici di famiglia; ‘-e-‘ perché sfrutta l’intelligenza artificiale del sistema IBM Watson per migliorare il percorso di cura del paziente cronico attraverso informazioni e strumenti utili al medico; ‘Net‘ perché favorisce il network e la connessione dei principali attori coinvolti nel percorso di cura del paziente sfruttando tutte le potenzialità della tecnologia e della telemedicina.

Come funziona? Con una struttura aperta che, grazie alla piattaforma di servizi di Net Medica Italia, è in grado di integrarsi con un grande numero di strumenti e sistemi gestionali, la piattaforma è dotata di un assistente virtuale per il medico, basato su IBM Watson Assistant, in grado di fornire al medico di base, 24 ore al giorno 7 giorni su 7, informazioni aggiornate sulle patologie croniche disponibili al momento.

Inoltre, grazie alle differenti applicazioni integrate di IBM Watson appositamente integrate nella piattaforma Net Medica Italia, i medici di base potranno ricevere un avviso quando i dati dei loro pazienti soddisferanno i requisiti (trigger), predefiniti grazie alle competenze medico-scientifiche di Novartis, permettendo al medico di valutare come intervenire.

I dati delle cartelle cliniche utilizzati da OPeNet sono anonimizzati in completa aderenza alle normative Gdpr. Una delle principali qualità di OPeNet risiede nell’integrazione con i gestionali del medico di famiglia tramite i servizi di Net Medica Italia, per favorire nuovi canali di collaborazione con lo specialista per un consulto sul quadro clinico del paziente e sulle terapie somministrate.

OPeNet, che al momento è impiegata nella gestione dei pazienti cronici con scompenso cardiaco e psoriasi, è promosso attivamente da Novartis ai medici interessati attraverso gli Embrace Advisor, la rete innovativa di giovani professionisti sul territorio a supporto dei medici di medicina generale.

Grazie all’impegno congiunto di Net Medica Italia e degli Embrace Advisor di Novartis che operano in modo capillare su tutto il territorio nazionale, la piattaforma OPeNet è già stata attivata da più di 500 medici di medicina generale e oltre 900 hanno fatto richiesta di attivazione.

“La pandemia ha messo in evidenza la necessità di trasformare il sistema di presa in carico del paziente cronico – ha dichiarato Pasquale Frega, Country President e Ad di Novartis Italia – Il digitale nel sistema salute può facilitare l’evoluzione da un modello centrato sull’ospedale e con una logica a silos, ad uno basato su una visione sistemica della sanità, che possa favorire lo sviluppo di una vera e propria medicina di iniziativa. Con OPeNet, Novartis offre uno strumento importante di digitalizzazione che consentirà di migliorare l’assistenza sanitaria, secondo un modello di medicina sempre più proattivo, vicino al paziente e più attento alle sue esigenze”.

“Nell’ultimo anno – dichiara Stefano Rebattoni, amministratore delegato di IBM Italia – l’innovazione tecnologica ha mostrato nei fatti che può dare un contributo fondamentale nell’erogare servizi sanitari di qualità, in sicurezza e sostenibilità. Supportando quel continuum di presa in carico, diagnosi, cura e assistenza del paziente, pilastro fondante di un sistema sanitario efficace ed efficiente. Elemento centrale di questo percorso sono i dati e le informazioni che tecnologie come cloud, intelligenza artificiale, blockchain e internet delle cose possono rendere disponibili con tempestività a tutti gli attori del sistema, dai medici ai pazienti. Il progetto OpeNet, sviluppato con Novartis e Net Medica Italia, è un esempio concreto di questo tipo di soluzioni”.