Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement
SAS

Green pass, Italia capofila della linea dura

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
passaporto vaccinale digital green pass

Nessuna eccezione, nemmeno per il Parlamento o il Quirinale che pure godrebbero di quella forma di autonomia chiamata autodichia. Con il decreto varato dal consiglio dei ministri, Mario Draghi, arriva esattamente dove voleva sin dall’inizio: a estendere l’obbligo di green pass a tutti i lavoratori, siano essi statali o pubblici, dipendenti o autonomi. Di fatto, trasformando l’Italia nel Paese capofila della linea dura. La stima è che la misura riguarderà 23 milioni di persone.

Una scelta che, però, va letta di pari passo con i dati della campagna vaccinale. Perchè è vero che il 70% della popolazione sopra i 12 anni ha completato il ciclo e che l’80% ha fatto almeno una dose, ma il problema è esattamente quell’ultimo miglio: raggiungere il traguardo del 90% prima che l’arrivo dell’inverno porti un peggioramento dei dati di contagio. Un pensiero che il premier ha così riassunto nel corso del Cdm: “Questo decreto è per continuare ad aprire”.

E’ sostanzialmente quello che ha spiegato ai sindacati incontrati ieri a Palazzo Chigi, i quali sostenevano che se obbligo doveva essere, almeno lo Stato era tenuto ad accollarsi il costo dei tamponi. Un ragionamento che per il presidente del Consiglio avrebbe portato a un effetto esattamente opposto rispetto a quello desiderato di incentivare la campagna vaccinale. Da qui il no alla gratuità dei tamponi, con la sola eccezione di chi è impossibilitato a vaccinarsi per ragioni di salute, anche se arriva il via libera a prezzi calmierati per i test antigenici in farmacia. Allo stesso tempo, si è deciso di estendere la validità del tampone da 48 a 72 ore.

Non è un caso se il provvedimento, che sarà in vigore appena pubblicato in Gazzetta ufficiale, diventerà realmente operativo dal 15 ottobre. L’idea, come ha esplicitato il ministro della Pa Renato Brunetta, è quello di dare tempo a chi non si è ancora vaccinato di farlo.

La verifica del rispetto dell’obbligo viene affidata ai datori che, se inadempienti, possono essere multati da 400 a 1000 euro. Per il lavoratore che viene trovato senza certificato verde sono invece previste sanzioni da 600 a 1.500 euro. Si applica sostanzialmente il modello scuola, questo vuol dire che non è possibile licenziare ma dopo cinque assenze scatta la sospensione e quindi anche lo stop allo stipendio.

Nel corso della riunione di governo c’è stato anche uno scontro tra il ministro dei Beni culturali, Dario Franceschini – che avrebbe voluto aumentare la capienza per attività culturali o sportive – e il ministro della Salute, Roberto Speranza. Alla fine si è deciso di valutare successivamente, dopo un pronunciamento in merito del Cts che dovrà arivare entro il 30 settembre.

Lavoratori di tutta Italia, ma anche i parlamentari. Sebbene – per l’auodichia di cui sopra – il decreto non si possa applicare utomaticamente a Camera e Senato, c’è un’indicazione alquanto perentoria ad adeguare il proprio ordinamento in base alle nuove disposizioni.

 

 

SAS ARTICOLO
SAS
Finanza Agevolata
Innova Finance
dhl

Leggi anche

SAS
dhl
anima 2
data factor

I più letti