Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement
anima

Salute delle donne, perché investire può trainare la ripresa

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
salute donna

Se la spesa in sanità va letta come un investimento, questo è ancor più vero quando si parla di salute della donna. Ogni dollaro speso in interventi per la salute riproduttiva, materna, neonatale e infantile può generare 20 dollari in benefici economici.

Anche così le donne possono essere protagoniste della ripresa post-Covid: il tema della parità di genere – attraverso l’incremento dell’occupazione femminile, l’eliminazione del divario retributivo e il potenziamento dell’assistenza sanitaria di prossimità per le donne e le loro famiglie – è al centro delle più importanti agende politico-istituzionali, dagli Obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite fino alle “priorità trasversali” del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr) messo a punto dal Governo italiano.

Cruciale in tutti gli scenari il tema della salute femminile, anche per le sue ricadute come volano per la crescita dell’economia. Secondo una ricerca condotta dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, un’adeguata gestione della salute delle donne potrebbe contribuire con 12 trilioni di dollari al Pil globale nel 2040. Come detto, ogni dollaro speso in interventi per la salute riproduttiva, materna, neonatale e infantile, può generare 20 dollari in benefici economici.

A mettere in luce l’importanza della salute femminile per la ripresa del Paese è Organon, azienda farmaceutica che già mette al centro della propria missione la salute femminile in ogni fase della vita: contraccezione, fertilità, menopausa.

Dopo il lancio ufficiale avvenuto lo scorso giugno, e con la quotazione alla Borsa di New York, in questi giorni Organon Italia si è confrontata a Roma con tutti i principali stakeholder – istituzioni, società scientifiche, associazioni di pazienti e media – nel corso di un evento scientifico-istituzionale dedicato proprio alle grandi sfide socio-sanitarie dei prossimi anni: parità di genere e salute femminile, sostenibilità, cronicità.

“La nostra aspirazione è quella di essere, qui e ora, per la salute di ogni donna, in ogni fase della sua vita, della sua famiglia e della comunità cui appartiene – afferma Alper Alptekin, presidente e amministratore delegato di Organon Italia – le priorità cardine delle agende politico-istituzionali sono le nostre: siamo pronti a lavorare insieme alle Istituzioni in un modello virtuoso di partnership pubblico-privata, offrendo soluzioni terapeutiche e servizi innovativi per l’empowerment femminile in materia di salute riproduttiva, ascoltando al tempo stesso e cercando di rispondere ai più pressanti bisogni di salute che ancora oggi interessano tante donne in Italia e nel mondo”.

La necessità di accelerare gli interventi per la tutela della salute delle donne nasce anche dai danni lasciati sul terreno dalla pandemia e dai ritardi accumulati in conseguenza di Covid-19.

Oltre all’impatto diretto sull’occupazione femminile (secondo i dati Istat, in Italia su 101.000 occupati in meno, 99.000 sono donne), la ridotta capacità operativa delle strutture deputate (Consultori, Unità ginecologiche pubbliche) ha determinato una drastica contrazione dei servizi di tutela e cura della salute della donna: –54% di esami ginecologici, -34% nuovi trattamenti, circa 130.000 cicli contraccettivi in meno e un incremento medio di 45 giorni di attesa per una visita ginecologica.

Rispondere ai bisogni e alle necessità che impattano sulla vita quotidiana delle donne significa incidere positivamente anche sulle famiglie, dal momento che – secondo alcune stime – le donne guidano nell’80% dei casi le decisioni sulla salute familiare.

Ma in Italia sono tanti gli ostacoli – di natura culturale e organizzativa – che rallentano la promozione della salute delle donne e la piena valorizzazione del contributo femminile alla società.

La carenza di informazioni sulle possibili scelte contraccettive e la quasi totale assenza di programmi educazionali sull’argomento limita l’accesso alla contraccezione, circoscritto ad appena il 16% delle donne in età fertile, relegando l’Italia al 26° posto in Europa per accesso ed informazione alla contraccezione (Atlante europeo della contraccezione, European Parliamentary Forum 2021).

Lo scarso ricorso ai metodi contraccettivi è l’altra faccia del percorso ad ostacoli verso un’adeguata pianificazione familiare, che penalizza le donne nelle loro scelte di vita: l’emergenza Covid ha peggiorato lo scenario della natalità in Italia, dove gli ultimi dati Istat mostrano, per il 2021, un calo del 3,8% delle nascite rispetto al 2020, nuovo minimo storico di nascite dall’Unità d’Italia.

Un calo determinato non solo dalla pandemia, che ha provocato il completo lockdown dei Centri di Procreazione Medicalmente Assistita (Pma) per oltre 5 mesi, con un impatto di -1500 nuovi nati con queste tecniche, ma anche dal ricorso tardivo delle coppie ai Centri a causa dei crescenti problemi di fertilità; che in Italia oggi interessano circa il 20% delle coppie (1 su 5), rispetto al 10% di circa 20 anni fa.

Ma i ritardi culturali pesano anche nell’adeguamento dei comportamenti di prevenzione in considerazione dell’aumento dell’aspettativa di vita che per le donne è di 84-85 anni: una donna trascorre in menopausa circa 30 anni, ma solo il 7% delle italiane ricorre alla terapia ormonale sostitutiva per trattare i sintomi della menopausa, in particolare quelli di tipo neurovegetativo (come vampate, disturbi del sonno, sudorazione notturna, ecc) e prevenire le complicanze cardiovascolari sul lungo periodo, oltre che beneficiare di una migliore qualità di vita.

Dalla salute delle donne a quella delle loro famiglie e delle comunità, le grandi sfide sono quelle della cronicità e della sostenibilità: in Italia sono 24 milioni i pazienti con malattie croniche non trasmissibili, tra cui tumori, patologie cardiovascolari e osteoarticolari, che assorbono circa l’80% del Fondo sanitario nazionale.

Organon si candida a lavorare in partnership con le Istituzioni, grazie a un portfolio che abbraccia un concetto ampio di salute e che ai farmaci per la salute femminile affianca soluzioni terapeutiche sostenibili e di consolidata efficacia nella gestione delle patologie croniche a più alto impatto sociale – ipertensione, ipercolesterolemia, osteoporosi, osteoartrosi, asma, emicrania e dermatiti – e prodotti biosimilari in ambito oncologico per garantire l’accesso alle cure e alle terapie salvavita a tutti i pazienti che ne hanno bisogno.

Organon Italia promuove attivamente la parità di genere con una forte presenza ‘al femminile’ al suo interno, sia a livello globale che in Italia. Nel nostro Paese, Organon è presente con oltre 250 dipendenti dei quali quasi la metà sono donne. Inoltre il Team di Leadership è composto al 70% da donne e il Consiglio d’amministrazione è al femminile per il 50% della sua composizione, un risultato importante se si considera che la media italiana è del 33%.

SAS ARTICOLO
SAS HEALTH
Animaaa
pfizer health

Leggi anche

I più letti