Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement
anima

Salute e benessere in primo piano con Welfair a Roma

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
salute alimentazione

Una due giorni alla (ri)scoperta del benessere. Il 15 e 16 ottobre Fiera Roma dà il via alla seconda edizione di Welfair (www.romawelfair.it), la manifestazione dedicata alla salute e alla qualità della vita, organizzata con il contributo di Regione Lazio, Camera di Commercio di Roma e Unioncamere Lazio.

L’appuntamento di quest’anno – ancora esclusivamente in modalità digitale, gratuito previa registrazione https://events.purplebox.live/welfair/ – prevede una due giorni di tavole rotonde e spazi espositivi incentrati su due macrotemi: Covid e nutrizione. Tutti gli interventi in programma sono legati da un interrogativo comune: come sarà il nostro ritorno al futuro, come la nuova normalità? “Back to the future” è il tema fil rouge della manifestazione e relatori del mondo scientifico e della ricerca di fama nazionale e internazionale affrontano ogni questione attraverso questa lente interpretativa.

Il dibattito di venerdì mattina verte sui cambiamenti innescati dalla pandemia rispetto a salute e sanità, benessere e stili di vita, nutrizione e bellezza, con approfondimenti su: intelligenza artificiale applicata alla salute, scienza dell’aging (anti-aging, healthy aging e positive aging), strategie per un invecchiamento di successo, nuovi approcci e frontiere della medicina estetica, potenziale rappresentato dalle alghe per la salute.

Nel pomeriggio di venerdì si fa il punto sulla situazione globale della pandemia, con interventi di virologi in forze in tutti i Continenti: si ripercorrono e analizzano i principali progressi compiuti nel contenere la trasmissione del virus, le misure messe in campo – tra cure e vaccini – e la loro efficacia rispetto alle varianti; si delineano le conseguenze del long Covid e le misure da mettere in atto per contrastarle; si riporta l’attenzione anche sulle altre malattie infettive che infestano il mondo e appaiono per il momento “dimenticate”.

Il sabato mattina è dedicato alla nutrizione. Si riflette dapprima sul cambiamento di abitudini alimentari e di approccio al cibo determinato dalla pandemia, ragionando di futuro della nutraceutica, ruolo del nutrizionista, malattie dismetaboliche, nuove tecnologie e alimenti. In conclusione c’è una tavola rotonda in cui massimi esperti di nutrizione a livello mondiale mettono a confronto le diete più prescritte e praticate negli ultimi anni: Mediterranea, a Zona, Chetogenica, Restrizione calorica e Digiuno. È occasione per fare chiarezza tra falsi miti e veri modelli nutrizionali scientifici, ragionando di nutrizione e del suo potere di prevenire le malattie croniche e gestire la salute.

Il sabato mattina è previsto uno spazio dedicato all’interazione diretta con il pubblico, che può collegarsi per avere in tempo reale risposte a quesiti e curiosità. Sono a disposizione per rispondere a ogni domanda (basta registrarsi sulla piattaforma) i coordinatori di Welfair 2021 – Giovanni Scapagnini, professore ordinario di Nutrizione clinica all’Università degli Studi del Molise e Visiting professor presso l’Institute of Human Virology di Baltimora; Davide Zella, Assistant Professor di Biochimica e Biologia molecolare, co-direttore del Laboratorio di Biologia delle Cellule Tumorali, Institute of Human Virology dell’Università del Maryland; Giovanni Spera, già Ordinario di Medicina interna e presidente del Comitato Etico Sapienza Università di Roma, Presidente Eletto della Società Italiana per lo Studio dei Disturbi del Comportamento Alimentare, Eugenio Luigi Iorio, Medico chirurgo, specialista in Biochimica e Chimica clinica, Presidente dell’Osservatorio internazionale dello Stress Ossidativo e dell’Università Popolare Medicina degli Stili di Vita, e i luminari Giovanni Scambia, Ordinario di Ostetricia e ginecologia presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma e direttore dell’unità operativa complessa Ginecologia oncologica del Policlinico Gemelli; Mario Stirpe, oculista di fama internazionale, presidente della Fondazione G.B. Bietti per lo Studio e la Ricerca in Oftalmologia.

Accanto al programma congressuale, la due giorni prevede spazi di incontro e business per aziende e operatori dei settori sanitario, medico, farmaceutico, parafarmaceutico, dermocosmetico, omeopatico, nutraceutico, nutrizionistico, di tecnologie e servizi legati a salute e benessere.

Animaaa
pfizer health

Leggi anche

I più letti