servier 2
Aboca health

Donne migranti e violenza, lo sportello virtuale all’Inmp

Inmp
Aboca banner articolo

La lezione della pandemia contro la violenza di genere nei confronti delle donne migranti. L’Inmp San Gallicano di Roma annuncia, in occasione dell’8 marzo, un nuovo spazio di tele-consulenza per gli operatori sanitari e socio-sanitari impegnati nella presa in carico di donne straniere che hanno subito violenza o sono state vittime di tratta.

In occasione dell’8 marzo “Inmp si impegna a fare un passo in avanti nel contrasto della violenza di genere, un’emergenza del nostro tempo che richiede lavoro costante e azioni concrete, di cui occuparsi quotidianamente e non solo in occasione di giornate dedicate o dopo fatti tragici”, sottolinea Concetta Mirisola, direttore generale dell’Inmp. “L’attivazione di questo sportello, che prosegue il percorso già intrapreso lo scorso 8 marzo quando inaugurammo il Servizio di tutela e saluta della donna presso il nostro poliambulatorio, dimostra la volontà del nostro Istituto di mettere a disposizione della comunità sanitaria la propria esperienza e le proprie capacità nell’accoglienza, ascolto e presa in carico delle donne vittime di violenza”.

Concetta Mirisola

 

Esistono segni e sintomi per il riconoscimento precoce di situazioni di disagio legate ad ogni forma di violenza. La pandemia da Covid-19, ha purtroppo amplificato le situazioni di isolamento, le barriere di accesso ai servizi e le condizioni di mancanza di tutela per le donne, sole o con figli, italiane e straniere, che subiscono violenza e soprusi.

Può quindi emergere l’esigenza di un confronto, una consulenza su percorsi, pratiche, metodologie, soprattutto di fronte a situazioni particolarmente difficili, di donne appartenenti a culture diverse dalla nostra, per le quali ogni intervento richiede un’attenzione rispetto alla multidimensionalità dei bisogni e ai diversi contesti di provenienza.

Da qui nasce lo spazio di tele-consulenza per gli operatori sanitari e socio-sanitari impegnati nella presa in carico di donne straniere che subiscono, hanno subito violenza o sono state vittime di tratta. Il servizio, attraverso una piattaforma online costruita ad hoc, costituirà uno sportello multidisciplinare virtuale e permetterà un confronto teorico/esperienziale con professionisti altamente qualificati, l’approfondimento di conoscenze e procedure, la condivisione di dubbi e la ricerca di soluzioni di eventuali difficoltà legate alla gestione di questo delicato e complesso target.

Ma come funziona? La consulenza, attivabile attraverso la formulazione di una specifica richiesta da inviare all’email dedicata [email protected], avverrà in modalità teleconsulto, dove un professionista dell’Istituto, individuato come esperto per il caso indicato, interagirà con l’operatore per analizzare gli elementi della situazione; riconoscere situazioni di empasse e individuare risorse per affrontarle; ricevere chiarimenti su difficoltà legate alla multidisciplinarietà e al lavoro in rete elaborare strategie d’intervento e percorsi per donne straniere che subiscono violenza o sono sopravvissute alla tratta.

“Le criticità legate alla violenza contro le donne, nelle rotte migratorie come nei contesti privati, necessita di competenze professionali per garantire un’attenzione specifica a ogni tipo fragilità, sia personale che sociale”, sottolinea Sonia Viale, psicologa dell’Inmp. “Realizzeremo un follow-up di ciascun intervento: capire i risultati ottenuti, i punti di forza e le possibili aree di miglioramento”.

IV Forum Health
servier 2022
ABOCA BANNER
CDPimpreseAdvertisement
CDPPAAdvertisement

Leggi anche

CDP1Advertisement
CDP2Advertisement
IV Forum Health
WBF

Ultima ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.