ABOCA
WOBI HEALTH

Vaiolo delle scimmie, per ora non è emergenza sanitaria

Aboca banner articolo

Il vaiolo delle scimmie non è “attualmente” un’emergenza sanitaria internazionale. Lo ha dichiarato pochi giorni fa l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), anche se i membri del suo comitato d’emergenza hanno concordato sul fatto che la situazione dovrà essere “strettamente monitorata”.

Stando all’Oms, una delle seguenti condizioni dovrebbe innescare una rivalutazione:

• Evidenza di un aumento del tasso di crescita nei casi nelle prossime tre settimane
• Casi identificati tra i sex workers
• Un aumento dei casi nei gruppi vulnerabili come gli individui immunosoppressi, individui con infezione da Hiv scarsamente controllata, donne incinte e bambini
• Un aumento dei tassi di morbilità o mortalità e ospedalizzazione
• Nuovi casi nella popolazione animale
• Evidenza di una mutazione significativa che influenza il modo in cui la malattia si presenta
• Evidenza di gruppi di casi di diversi cladi con virulenza più significativa rilevata al di fuori dell’Africa occidentale e centrale

Ma la decisione non ha trovato tutti concordi. L’Oms “potrebbe aver perso l’opportunità di anticipare l’epidemia”, ha detto a Fortune Georges Benjamin, direttore esecutivo dell’American Public Health Association.

Amesh Adalja, uno studioso del John Hopkins Center for Health Security, ha affermato che non sono stati segnalati decessi al di fuori di un Paese endemico nell’attuale epidemia globale e che ci sono stati pochi ricoveri.

Finora l’epidemia ha avuto “effetti lievi” secondo Adalja, probabilmente perché i casi sono stati riscontrati in nazioni sviluppate con una buona assistenza sanitaria e in individui più giovani.

“Rispetto alla Covid, il vaiolo delle scimmie ha una minor capacità di causare la morte“, ha detto.

I comitati di emergenza dell’Oms esistono attualmente solo per il Coronavirus e la poliomielite. Sette ulteriori comitati di emergenza sono stati precedentemente convocati per malattie tra cui Ebola, H1N1 e Mers.

I dati dell’Oms parlano di oltre 3.000 casi di vaiolo delle scimmie segnalati da quasi 50 paesi nelle ultime sei settimane: un aumento del 52% rispetto alla settimana precedente. Basti pensare che sono stati segnalati 201 casi in più della metà degli stati americani.

L’Oms è stata spesso accusata di reagire troppo lentamente. Il virus continua a muoversi oltre l’Africa, dove è endemico, attraverso un modello atipico e gli scienziati stanno cercando di capire come si diffonde.

Solitamente i casi relativi a questo virus si registrano nelle zone rurali africane, dove le persone entrano in contatto con ratti e scoiattoli infetti. Casi recenti, tuttavia, si sono verificati in paesi in cui il virus non è stato precedentemente riscontrato e in individui che non hanno una storia di viaggi alle spalle. Tutto ciò indicherebbe che il virus potrebbe essere circolato inosservato per qualche tempo. La maggior parte dei casi si sono verificati tra i giovani che hanno fatto sesso con altri uomini. Un’altra “stranezza”, come osservato dal comitato di emergenza dell’Oms.

Nel 1980 l’Oms ha dichiarato che il vaiolo era stato debellato ed il vaccino – che oggi funzionerebbe contro il nuovo virus – non è più stato ampiamente somministrato. Di conseguenza, la popolazione ha un basso livello di immunità contro i poxvirus, come affermato dal comitato dell’Oms.

Data l’attuale epidemia globale, sorge un’altra domanda: come si sta diffondendo. Generalmente si trasmette da uomo a uomo dopo un contatto stretto, che può avvenire attraverso il sesso e oggetti personali come lenzuola e vestiti. La trasmissione aerea è possibile, ma deve ancora essere confermata.

Ma la trasmissione da uomo a uomo può avvenire tramite “goccioline respiratorie (e eventualmente aerosol a corto raggio)”, ha scritto l’Oms in un aggiornamento della situazione del 4 giugno, in cui ha messo in guardia contro grandi raduni, che possono facilitare il contagio.

E all’inizio di questo mese, i Cdc hanno alzato il livello di allerta per la potenziale trasmissione del vaiolo delle scimmie tra i viaggiatori, consigliando loro di indossare una mascherina durante il viaggio.

L’articolo originale è su Fortune.com

IV Forum Health
servier 2022
ABOCA BANNER
CDPimpreseAdvertisement
CDPPAAdvertisement

Leggi anche

CDP1Advertisement
CDP2Advertisement
IV Forum Health
WBF

Ultima ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.