Covid: la Cina allenta le restrizioni, ma milioni di nuovi casi freneranno la ripresa

Covid Cina
Aboca banner articolo

La Cina ha annunciato una svolta decisiva all’approccio zero-Covid, consentendo ad alcuni pazienti di isolarsi in casa propria e ponendo fine ai test obbligatori.

La decisione di allentare le restrizioni conferma i recenti annunci dei funzionari cinesi secondo cui il Paese sta entrando in una ‘nuova fase’ della lotta a Covid e gli appelli all’ottimismo degli analisti che reclamavano la riapertura dopo gli anni di isolamento, prima del previsto.

Lunedì gli analisti di Morgan Stanley hanno affermato che le azioni cinesi sono sottovalutate ora che la riapertura della loro economia sembra imminente. Gli investitori, che avevano già ricevuto il memorandum, si sono accalcati nei mercati azionari cinesi sulla base di soffiate provenienti da Pechino che si stava preparando ad allentare alcune delle rigide regole Covid in vigore nel Paese. L’indice Hang Seng di Hong Kong è aumentato del 30% dall’inizio di novembre, benché ancora in calo del 37% rispetto al picco di febbraio 2021. Sia l’indice SSE Composite di Shanghai che l’indice SZSE Component di Shenzhen sono aumentati del 10% dall’inizio del mese scorso.

“Ci sarà una grande opportunità di investire nei prossimi mesi, acquistando a prezzi vantaggiosi”, ha detto Winnie Wu, capo ricercatore azionario cinese di Bank of America, al South China Morning Post. Tuttavia, la riapertura della Cina continentale e l’inevitabile importante risalita dei casi di Covid che ne conseguirà causeranno probabilmente ulteriori perturbazioni economiche nella prima metà del prossimo anno. Nonostante il loro ritrovato ottimismo, gli analisti avvertono che la ripresa economica in vista non sarà priva di difficoltà.

Pechino allenta le regole Covid

Per quasi tre anni la Cina ha adottato misure molto severe per contrastare la diffusione del virus. I funzionari hanno imposto test di massa e blocchi improvvisi anche a livello locale per contenere a volte una semplice manciata di casi. Le insolite proteste a livello nazionale contro blocchi e test continui alla fine di novembre contribuito probabilmente ad accelerare l’ammissione da parte di Pechino che il Paese ha bisogno di andare avanti. Mercoledì, la Cina ha introdotto nuove regole che rappresentano il più grande allentamento della dura risposta a Covid applicata fino ad oggi dal paese asiatico. Il Consiglio di Stato cinese ha annunciato che chi ha sintomi lievi è autorizzato a curarsi a casa anziché nei luoghi predisposti per la quarantena e che non c’è più bisogno di un test negativo per viaggiare o entrare nella maggior parte dei luoghi pubblici. Resta la possibilità di imporre dei lockdown locali, ma saranno limitati a singoli piani o edifici, piuttosto che a interi quartieri o distretti.

Alcune di queste misure erano già state attuate da funzionari locali in città come Shanghai, Pechino e Guangzhou, dove si erano verificate proteste. E la scorsa settimana, il vicepremier Sun Chunlan, responsabile della risposta a Covid del Paese, ha dichiarato che la Cina continentale è entrata in una ‘nuova fase’ della pandemia. I media pubblici cinesi avevano già  gettato le basi per un allontanamento dalla strategia zero-Covid, con Xinhua, l’agenzia di stampa controllata dallo Stato, che martedì ha affermato che “la fase più difficile della pandemia è passata”.

zero covid cina

Quando riaprirà la Cina?

I lockdown e le altre restrizioni hanno pesato sull’economia cinese. Il Pil è cresciuto solo del 3,9% su base annua nel terzo trimestre, al di sotto dell’obiettivo di Pechino del 5,5%. La più recente ondata di focolai e blocchi nel Paese lo sta mettendo in una situazione molto difficile. L’attività dei servizi si è ridotta a novembre per raggiungere il minimo in sei mesi, secondo l’ultimo indice Caixin dei responsabili degli acquisti dei servizi. Anche l’attività industriale, già in calo in ottobre, si è ulteriormente ridotta a novembre.

La strategia zero-Covid sta deprimendo anche il mercato delle esportazioni cinesi. Un blocco imposto frettolosamente in una delle principali fabbriche di iPhone a Foxconn ha portato a proteste e interrotto la produzione. Foxconn ha detto che il caos ha contribuito a un calo del 29% delle entrate a novembre rispetto al mese precedente. È la prima volta che il produttore registra un calo delle entrate mensili nell’importante stagione pre-vacanze. Pechino dovrebbe essere preoccupata per i ritardi nelle forniture ai produttori stranieri come lo è per le proteste, afferma Alicia Garcia-Herrero, capo economista Asia-Pacifico per la banca d’investimento Natixis. “La Cina non può permettersi di perdere i posti di lavoro offerti dalle aziende straniere”, dice. Prima degli annunci di mercoledì, la maggior parte delle banche di investimento aveva fissato l’uscita della Cina continentale da zero-Covid alla metà del prossimo anno. Anche se ha ritenuto le azioni cinesi sottovalutate, Morgan Stanley si è attenuta a una previsione iniziale secondo cui il Paese riaprirà entro la primavera del 2023, passando a un sistema in cui “ampie misure di contenimento obbligatorie e test su larga scala non saranno più adottati” e riducendo molte misure di distanziamento sociale.

Ma anche prima di mercoledì, il pur modesto allentamento della strategia zero-Covid nel Paese da Covid-zero aveva spinto alcune banche a modificare al rialzo le loro previsioni di una completa riapertura o esprimere maggiore fiducia nelle loro richieste avanzate in tal senso all’inizio dell’anno. Goldman Sachs prevede una riapertura a metà del 2023, ma domenica ha considerato la possibilità di una riapertura anticipata al 45%, rispetto al 30% di novembre. Garcia-Herrero ritiene che la Cina potrebbe aprire già alla fine di quest’anno. “Supponiamo – dice – che l’intero 2023 sarà aperto”.

Restrizioni Covid in Cina

La ripresa economica della Cina tra alti e bassi

C’è una grande riserva nei confronti della riapertura della Cina continentale: l’allentamento delle restrizioni innescherà inevitabilmente un grande aumento dei casi di covid, una situazione diversa da quelle che il Paese si è trovato a fronteggiare fino adesso. Una simile ondata potrebbe avere conseguenze drammatiche, dati i tassi relativamente bassi di vaccinazione tra gli anziani e la distribuzione di vaccini prodotti in Cina, meno efficaci dei vaccini mRNA.

Secondo i dati ufficiali, solo il 40% degli over 80 ha ricevuto una dose di richiamo. Gli studi dimostrano che sono necessarie tre dosi dei vaccini cinesi per garantire lo stesso livello di protezione contro la malattia grave e la morte per la variante Omicron di due dosi di vaccini mRNA Pfizer o Moderna.

La Cina si è recentemente impegnata a incrementare il tasso di vaccinazione tra gli anziani, e molti analisti lo hanno interpretato come un segno che il paese si sta preparando per una riapertura. Garcia-Herrero afferma che la Cina potrebbe somministrare richiami di terza dose al 70% degli over 80 entro la fine dell’anno “se davvero accelerano”, nel qual caso il Paese potrebbe aprirsi “subito”.

Ma anche in questo scenario, avverte, “molte persone probabilmente morirebbero”. Secondo i calcoli di Wigram Capital Advisors, un gruppo di consulenza macroeconomica, in primavera la Cina potrebbe toccare i 20mila decessi giornalieri per Covid-19 se continua a riaprire al ritmo attuale.

Anche se Pechino allenta i controlli, un’impennata dei casi, mortale o meno, ostacolerà l’economia cinese. La gente comune, preoccupata di contrarre il coronavirus, probabilmente si isolerà e le spese si ridurranno fino a quando l’epidemia non si allenterà. Chi prenderà Covid rimarrà a casa dal lavoro durante la malattia, riducendo la produzione e interrompendo le attività. “Molte persone si ammaleranno, il che potrebbe comportare la chiusura di fabbriche o l’impossibilità di farle funzionare a pieno regime”, ha detto Zhang Zhiwei, responsabile economico del Pinpoint Asset Management, al South China Morning Post.

Anche la ricerca più ottimistica di Morgan Stanley lunedì ha avvertito di una ripresa “accidentata”. Ci saranno “misure di contenimento persistenti, e forse un andamento altalenante durante la fase iniziale di riapertura”, ha scritto Robin Xing, responsabile economico cinese della banca.

“La combinazione di casi in aumento, allentamento delle misure restrittive in alcune regioni, stagione influenzale alle porte e imminente Capodanno lunare, quando viaggiano centinaia di milioni di persone, rende difficile prevedere come i casi, le restrizioni Covid e la mobilità potrebbero evolversi nei prossimi mesi”, ha scritto Hui Shan, capo economista cinese di Goldman Sachs, in una nota domenica.

Un’ondata di casi potrebbe portare al malcontento pubblico contro l’uscita dalla politica zero-Covid da parte di chi è preoccupato per l’aumento dei contagi causato dalla riapertura, avverte Garcia-Herrero.

Il contraccolpo potrebbe innescare una maggiore volatilità e una minore crescita per la prima metà dell’anno. Goldman Sachs ha previsto a novembre che la crescita dell’economia cinese potrebbe fermarsi al 2% nel secondo trimestre del 2023, prima di rimbalzare al 10% di crescita del Pil nel trimestre successivo, quando le persone si saranno abituate a convivere con il virus.

L’esperienza di Hong Kong all’inizio di quest’anno è un esempio di come un’epidemia incontrollata in un territorio Covid-zero possa essere devastante per l’economia. Dopo due anni di isolamento e un basso numero di casi, la città ha subito una massiccia ondata tra febbraio e aprile di quest’anno. Il basso tasso di vaccinazione tra la popolazione anziana della città ha causato 9.100 morti nei primi quattro mesi dell’anno, rendendo l’epidemia la più mortale nel mondo sviluppato. Qui l’epidemia ha fatto anche crollare l’economia della città. Il Pil è sceso del 4% nel primo trimestre, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Anche la spesa dei consumatori e gli investimenti sono diminuiti rispettivamente del 5,5% e dell’8,4% su base annua. La città non si è ancora completamente ripresa. Il governo di Hong Kong prevede ora una contrazione economica del 3,2% per il 2022.

Date le dimensioni della Cina continentale, una simile ondata sarebbe enorme. Goldman Sachs prevede “milioni di nuovi casi giornalieri per alcuni mesi, un ordine di grandezza totalmente diverso anche dai numeri più alti che il paese ha mai visto finora”.

L’articolo orginale si può leggere su fortune.com.

cinema
IEG Banner Health

Leggi anche

cinema 2

Ultima ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.