GILEAD
Leadership Heade
Poste Italiane

Menopausa, lo stigma che ostacola la carriera delle donne

menopausa

Potrà sembrare strano, ma lavoro e menopausa non sempre si coniugano in modo ottimale. Talvolta le lavoratrici si trovano a fare i conti con ostacoli dannosi non solo per il loro benessere mentale e fisico, ma anche per la loro carriera. È quanto emerge da un nuovo sondaggio condotto su migliaia di donne che soffrono dei sintomi della menopausa e della perimenopausa.

La società di assistenza sanitaria femminile Bonafide ha intervistato più di 2.000 donne statunitensi  tra i 40 e i 64 anni per il suo quarto rapporto annuale sullo stato della menopausa. Secondo il National Institute on Aging (NIA), più di tre donne su quattro (76%) hanno riferito di non avere misure ad hoc sul posto di lavoro per la menopausa, che coinvolge ogni anno solo negli usa oltre 1 milione di donne.

Nel sondaggio di quest’anno, poco più della metà delle donne (51%) ha dichiarato di desiderare  maggiori misure sul posto di lavoro. L’empatia dei colleghi e l’aumento del tempo libero sono solo due modi in cui le aziende possono aiutare a soddisfare le esigenze delle dipendenti in menopausa, afferma il rapporto.

“I giorni in cui si soffriva in silenzio sono finiti”, dice a Fortune la dottoressa Alyssa Dweck, ginecologa e direttore medico di Bonafide. “Se usi le stampelle o sei su una sedia a rotelle, è ragionevole assicurarti che l’ascensore funzioni se lavori in un edificio alto. Quindi, se soffri di vampate e sudorazioni notturne e queste interferiscono con il tuo lavoro o con la tua produttività, perché non avrebbe senso offrire semplici opzioni per mettere le persone più a loro agio?”.

Anche se temporanea, l’odissea di una donna con la menopausa non è certo breve. La perimenopausa di solito inizia tra i 45 ei 55 anni e può durare dai sette ai 14 anni, secondo la NIA. Non tutte le donne manifestano sintomi, ma alcune affrontano una combinazione di problematiche, dalle vampate al sesso doloroso, alla depressione, fino ai problemi del sonno.

In altre parole, l’apice della carriera di una donna può sovrapporsi a cambiamenti inevitabili e prolungati. Quasi una donna su due (49%) intervistata da Bonafide ha affermato che la menopausa ha avuto un impatto sulle prestazioni lavorative. La situazione è peggiore tra le donne sotto i 50 anni.

“Quelle un po’ più giovani, tra i 40 e i 49 anni, si sentivano un po’ più indifese e meno apprezzate sul posto di lavoro, ed erano molto interessate a misure in grado di rendere la loro vita più agevole”, afferma Dweck.

Quasi la metà delle intervistate (48%) ha affermato di ritenere che le donne in menopausa siano considerate meno produttive o emotivamente stabili sul posto di lavoro. E oltre alle  discriminazioni, più di due donne su cinque (42%) affermano che i sintomi della menopausa hanno inibito le loro ambizioni di carriera.

La mancata risposta a queste preoccupazioni potrebbe avere conseguenze devastanti sui profitti delle aziende e sull’economia statunitense, oltre a ostacolare i percorsi professionali delle donne. L’anno scorso, uno studio della Mayo Clinic ha stimato che la menopausa contribuisce alla perdita di tempo lavorativo per 1,8 miliardi di dollari all’anno negli Stati Uniti, una cifra che sale fino a 26,6 miliardi di dollari se si includono le spese mediche.

L’articolo completo è su Fortune.com.

Leadership Forum
Poste Italiane

Leggi anche

Ultima ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.