28 Novembre 2018

Il fondo francese Ardian rileva maggioranza Neopharmed Gentili

Attilia Burke

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Ardian, fondo di private equity francese che gestisce asset per un valore complessivo di 71 mld di dollari, rileva la maggioranza di Neopharmed Gentili, società controllata da Mediolanum Farmaceutici, azienda fondata nel 1972 dalla famiglia Del Bono e oggi uno dei primi operatori nel mercato italiano in particolare nell’area cardiovascolare.

Mediolanum Farmaceutici, precisa una nota, resta socia di con una partecipazione di minoranza e Alessandro Del Bono ricoprirà il ruolo di presidente e amministratore delegato della società. Confluiscono in Neopharmed Gentili le società del gruppo dedite allo sviluppo, produzione e commercializzazione in Italia di soluzioni ad alto valore terapeutico nelle aree vascolare, cardio-metabolica, respiratoria, antibiotica e dei farmaci da banco.

Nel 2017 Neopharmed Gentili ha registrato vendite per 192 milioni di euro. Tra gli advisor dell’operazione per Ardian Rothschild & Co. e per Mediolanum Farmaceutici Four Partners. “L’operazione – spiega Del Bono – consentirà all’azienda di accelerare il proprio sviluppo e di puntare a nuove acquisizioni, rafforzando la presenza in aree strategiche del settore farmaceutico, e, non da ultimo, di tutelare l’occupazione nel nostro Paese”.

“Siamo lieti di affiancare la famiglia Del Bono in questa nuova sfida – aggiunge Nicolò Saidelli, Managing Director e responsabile di Ardian in Italia – e lo faremo con passione”.

A portata di click

Acquista Fortune in formato digitale per leggere i nostri contenuti su qualsiasi dispositivo.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selezione degli articoli di Fortune.

Partecipazioni aperte al Forum Sostenibilità di Fortune Italia