Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement
Milteny

Vaccino Covid, Novavax vola in Borsa

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Un rialzo del 64,87% in un giorno. Ecco cosa è successo venerdì 29 gennaio alle azioni di Novavax, l’azienda biotecnologica del Maryland (Usa) in corsa per diventare la quarta realtà occidentale a identificare un vaccino sicuro ed efficace contro il Covid-19.

 

Il motivo che ha portato il titolo quotato al Nasdaq al suo massino storico – la chiusura di venerdì scorso è stata di 220,87 dollari, ma si sono registrate anche transazioni nei dintorni di 230 dollari ad azione – sono gli ottimi risultati riportati dalla molecola candidata NVX CoV2373 nello studio di fase III condotto nel Regno Unito su oltre 15 mila soggetti tra i 18 e i 34 anni, e su un 27% di soggetti over-65: la molecola ha raggiunto l’end-point primario con un’efficacia dell’89,3%.

 

Il candidato vaccino di Novavax è una proteina ricombinante virale prodotta attraverso una tecnologia che utilizza le cellule di insetto. Il siero anti-Covid che si ottiene è stabile a una temperatura compresa tra i 2 e gli 8 gradi centigradi. Una caratteristica che sarebbe assai gradita al mercato e ai governi dei diversi Paesi alle prese con piani vaccinali in continua modulazione a causa dei ritardi nelle consegne dei vaccini che hanno già ricevuto il via libera dalle autorità regolatorie.

 

Ma c’è di più. Secondo quanto reso noto dall’azienda produttrice la molecola avrebbe dimostrato la sua efficacia clinica anche in studi di fase IIb condotti in Sud Africa su oltre il 90% di casi attribuibili a quella comunemente nota come “variante africana” del virus. Sarà per questo che anche oggi, 1 febbraio, all’apertura dei mercati americani il titolo continua a godere della fiducia degli investitori, aprendo la seduta con un ulteriore incremento di valore di 12 punti percentuali.

 

Non restano a guardare nemmeno altri titoli di aziende più o meno allineate in termini di fase di sviluppo clinico. Tra queste CureVac che continua la sua corsa al rialzo sostenuta dalla conferma che Bayer produrrà il suo vaccino e all’apertura odierna guadagna subito 9 punti circa.

 

Trainate dall’entusiasmo di possibili nuove frecce utilizzabili contro il Covid-19 anche altre referenze. Inovio Pharmaceutical, ad esempio, apre il mercato con una crescita a doppia cifra (+10% circa).
Pressoché stabile Moderna, a circa 172 dollari, nonostante le notizie degli annunciati ritardi nelle forniture all’Unione Europea.

Teva Box
Flazio
Milteny Banner 1
Milteny Banner 2
British

Leggi anche

I più letti