Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement
anima

Open day AstraZeneca, un successo che fa ben sperare

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
astrazeneca vaccino Covid

Sono i giorni della rivincita del vaccino ‘cenerentola’. Dopo il caos, le polemiche e i rifiuti, non passa inosservato il successo degli Open day dedicati al vaccino AstraZeneca. Nel Lazio l’assessore alla Sanità Alessio D’Amato segnala il “sold out in meno di tre ore a Roma, Frosinone, Latina e Viterbo. La modalità del ticket virtuale ha funzionato e sono rimasti pochi slot all’outlet di Valmontone e Rieti. L’esperienza è da ripetere con un numero di dosi necessariamente maggiore che richiederemo alla struttura commissariale”.

Insomma, anche il Lazio, come le Regioni del Nord, registra il gradimento per Vaxzevria e potrebbe puntare alle scorte rimaste inutilizzate di AstraZeneca e ancora nei frigo di alcune Regioni del Sud. Gli italiani più giovani sembrano aver capito che i vaccini funzionano e sono sicuri, dal momento che corrono a farli appena possono. E questo nonostante il richiamo, almeno nel caso del prossimo Open day nel Lazio, sarà in pieno agosto.

Ricordiamo tutti i ‘meme’ con i primi tre vaccini anti-Covid ‘a confronto’: che fossero paragonati a divi del cinema o altro, AstraZeneca aveva sempre la peggio. Invece adesso vediamo che i timori – che in diversi casi hanno frenato i più anziani – impallidiscono di fronte al desiderio dei più giovani di liberarsi della mascherina e tornare a una certa normalità.

Una scelta già annunciata negli Stati Uniti, più avanti di noi nella campagna vaccinale. Gli americani vaccinati non hanno infatti più l’obbligo di indossare la mascherina o mantenere le distanze sociali all’aperto o al chiuso (con alcune eccezioni).

E questo perché i vaccini funzionano. Basta farli. A confermarlo arriva anche uno studio italiano sui vaccinati con Pfizer, Moderna e AstraZeneca: contagi giù del 95%, casi gravi di Covid a -99%. Sono due dei dati preliminari più significativi emersi dal primo studio condotto su vaccinati italiani a Pescara, firmato da Lamberto Manzoli, direttore del Dipartimento di scienze mediche e professore di epidemiologia e sanità pubblica dell’università di Ferrara.

“L’Asl di Pescara, che vaccinava dal 2 gennaio – spiega Manzoli all’Adnkronos Salute – si è detta: vediamo come stanno funzionando questi vaccini. Con grande sollievo i dati preliminari che abbiamo osservato sono davvero molto positivi. I risultati degli studi sperimentali andavano verificati sulla popolazione generale ed è quello che abbiamo fatto: abbiamo preso i vaccinati della provincia di Pescara e tutta la popolazione adulta residente (poco meno di 300mila persone). I vaccinati erano al momento in cui abbiamo condotto lo studio 62mila. Avendo dovuto escludere per i tempi tecnici necessari alla sieroconversione i vaccinati di aprile, sono stati esaminati i dati di 37mila persone e sono stati confrontati con quelli dei non vaccinati”.

Fra le persone sottoposte a iniezione scudo – con Pfizer, Moderna e AstraZeneca – è risultato “evidente il calo di contagi e di malattia Covid, ma anche di morti (-91%, ma è una stima instabile). In pratica, abbiamo registrato un solo decesso”.

Lo studio è stato condotto da un gruppo composto da ricercatori dell’università di Ferrara e dell’Asl di Pescara. Ha fra gli autori Manzoli e sul fronte dell’Asl pescarese Antonio Caponetti, direttore sanitario, e Graziella Soldato, “che ha vaccinato sul campo”, racconta Manzoli. Il lavoro è stato appena sottomesso per la pubblicazione su una rivista scientifica e quindi non è ancora passato dalla revisione fra pari.

“I dati sono preliminari – tiene a sottolineare l’epidemiologo – e abbiamo in cantiere ulteriori analisi. Ma intanto abbiamo un follow up medio di 30 giorni. E abbiamo potuto esaminare dati che si riferiscono a due dosi di Pfizer e Moderna e una singola di AstraZeneca, perché ancora non erano partite le seconde dosi. I risultati mostrano che sono tutti davvero molto efficaci”.

Per citare i dati relativi ai vaccinati con AstraZeneca, “la percentuale di riduzione di infezioni, casi di malattia e decessi raggiunge il 99% – riferisce Manzoli – Magari questo dato così alto si modificherà un po’ in futuro, ma non scenderebbe di tantissimo”, dice. Tutti e tre i vaccini, comunque, hanno avuto “dati simili, gli intervalli di confidenza si sovrappongono. E posso dire che vanno al di là delle più rosee aspettative. Anche i dati preliminari sugli eventi avversi sono buoni, ma non li abbiamo potuti inserire per motivi tecnici. Peccato, perché potrebbero contribuire a rassicurare le persone che ne avessero bisogno”.

Insomma, se i più giovani corrono a fare il vaccino ‘cenerentola’ (che poi non è davvero tale) spinti dal desiderio di liberarsi delle mascherine, fanno bene. E dovrebbero essere imitati dalle classi d’età più restie. Preoccupano un po’, infatti, i dati relativi ai vaccinati tra 60 e 69 anni. Anche perché si tratta comnque di soggetti a rischio in caso di Covid.

Il vaccino AstraZeneca, come tutti gli altri autorizzati, funziona. I vaccini sono le uniche armi che abbiamo al momento per dare scacco al Coronavirus. Più saremo rapidi a proteggerci, prima potremo tornare a una sorta di normalità. Dunque buon Open day a tutti!

TTG
TTG
pfizer health

Leggi anche

I più letti