ABOCA
WOBI HEALTH

Recordati, ricavi e utile netto in crescita nei 9 mesi

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Recordati

Ricavi e utile netto in crescita per Recordati nei primi nove mesi dell’anno. Il Consiglio di amministrazione di Recordati Spa ha approvato la relazione finanziaria al 30 settembre 2021. Ebbene, i ricavi netti dei primi nove mesi del 2021 sono pari a 1.156,2 milioni di euro in crescita del 5,7% (+8,6% a cambi costanti) rispetto al medesimo periodo dell’anno precedente, e riflettono un effetto cambio negativo pari a circa 31,7 milioni e il contributo per 59,4 milioni del nuovo prodotto Eligard (acquisito in licenza da Tolmar International Ltd a gennaio).

Al netto di questi effetti, la crescita è stata pari al 3,2%, che sconta la perdita di esclusività nel corso del 2020 dei prodotti a base di silodosina e pitavastatina e l’impatto della pandemia in particolare sui prodotti anti-influenzali nella prima parte del 2021. Significativa la crescita dei prodotti per il trattamento delle malattie rare, pari al 20,2%, ma anche al buon andamento dei principali prodotti in portafoglio. I ricavi internazionali crescono del 7,8%. Il terzo trimestre ha visto un continuo miglioramento, con una crescita dei ricavi netti del 15,5% (+17% a cambi costanti) rispetto allo stesso periodo del 2020, che aveva risentito in maniera maggiore degli impatti delle misure restrittive.

l’Ebitda (margine operativo lordo) è pari a 447,9 milioni di euro, in crescita del 2,1% rispetto ai primi nove mesi del 2020, con un’incidenza sui ricavi del 38,7%. In particolare, la crescita nel terzo trimestre (+15,4%) è “spinta dal buon andamento dei ricavi ed è parzialmente controbilanciata dall’aumento degli investimenti a supporto del portafoglio prodotti per le malattie rare”.

L’utile operativo è pari a 372,9 milioni, in crescita del 2,4% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, con un’incidenza sui ricavi del 32,3%. L’utile netto, pari a 296,4 milioni di euro, è in aumento dell’8,1% rispetto ai primi nove mesi del 2020, con una maggiore incidenza degli oneri finanziari netti (dovuta a perdite su cambi pari a 6,8 milioni), e benefici fiscali non ricorrenti registrati nel secondo trimestre (pari a 26,2 milioni).

Il Free cash flow, flusso di cassa operativo lordo, è stato pari a 352,9 milioni di euro nel periodo, in aumento di 69,6 milioni rispetto ai primi nove mesi del 2020 grazie all’aumento del risultato operativo e all’attenta gestione del capitale circolante. Il patrimonio netto è pari a 1.445,1 milioni.

“Il terzo trimestre del 2021 ha confermato le tendenze già registrate nel secondo trimestre, con una progressiva ripresa dei principali mercati di riferimento del Gruppo e il ritorno a condizioni operative più vicine alla normalità sebbene perdurino limitazioni all’accesso al personale medico in diversi paesi e misure di distanziamento sociale che impattano su alcune categorie di prodotti”, ha dichiarato Andrea Recordati, amministratore delegato del Gruppo. “La ripresa nel segmento dedicato ai farmaci specialisti e di medicina generale, unitamente al contributo del nuovo prodotto Eligard e al continuo incremento del segmento delle malattie rare, ha determinato risultati finanziari dei primi nove mesi in linea con le aspettative fissate a inizio anno, che prevedevano per il 2021 ricavi compresi tra 1.570 milioni e 1.620 milioni di euro, Ebitda compreso tra 600 e 620 milioni e utile netto rettificato compreso tra 420 e 440 milioni di euro”.

“Sulla base delle attuali tendenze, prevediamo che i risultati per l’intero esercizio si attestino nella parte bassa del range, con la recente ripresa nel mercato dei prodotti legati a patologie influenzali che difficilmente compenserà completamente l’impatto negativo registrato nella prima parte dell’anno, ipotizzando che non vi siano nuove significative ondate di restrizioni da Covid-19”, ha detto Andrea Recordati.

Oggi il Consiglio di amministrazione ha deliberato l’avvio di un programma di acquisto di azioni proprie, per un massimo di 1 mln di azioni – al corrispettivo massimo di 60 milioni di euro – da destinare a servizio dei piani di stock options rivolti al management del Gruppo Recordati già adottati dalla società e di quelli che dovessero essere adottati in futuro.

ABOCA BANNER
a2a

Leggi anche

ABOCA BANNER
a2a

Ultim'ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.