WOBI HEALTH

Covid, identikit del no ai vaccini

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Covid no vax

L’infodemia con le inevitabili discrepanze comunicative e la complessità di un tema che la scienza capisce e conosce giorno dopo giorno, in un percorso che a volte propone contraddizioni, certo non aiutano chi è in dubbio sulla possibilità di vaccinarsi nei confronti del virus Sars-CoV-2. Ed è evidente che solo con una capace azione di counselling da parte dei sanitari si potrà arrivare a migliorare la percentuale di vaccinati con doppia dose (e prossimamente ulteriore booster).

Ma non pensate che grazie all’opera di convincimento, all’utilità dimostrata dai fatti e dai numeri del valore delle vaccinazioni, alle opportunità sociali che potranno aprirsi per chi si è immunizzato (e stiamo solo citando alcuni aspetti positivi della scelta vaccinale, per sé e per gli altri), si possa arrivare al 100%. A segnalare come esisterà comunque uno zoccolo duro refrattario ai processi di prevenzione vaccinale, partendo dalla realtà degli Usa (in Italia siamo comunque a buon punto, pur se migliorare è sempre possibile) è una ricerca apparsa su Scientific Reports e coordinata da Jefferey Lazarus con la sua equipe.

Infatti, più o meno una persona su due tra quanti non sono ancora ricorsi al vaccino per la prevenzione di Covid-19 continuerà pervicacemente nella sua scelta. Lo studio, realizzato nella primavera di quest’anno e mirato proprio a valutare l’atteggiamento delle persone nei confronti della vaccinazione su un campione rappresentativo della popolazione (circa 6000 le persone coinvolte), segnala infatti che niente porterà queste persone a cambiare idea sulla prevenzione attraverso questo strumento.

La metà di coloro che negli Stati Uniti non sono disposti a essere vaccinati contro la Sars-CoV-2 riferisce che nulla cambierà idea, secondo un sondaggio nazionale rappresentativo riportato in uno studio pubblicato su Scientific Reports.

Andando a leggere tra le righe, con un’analisi in chiave sociale, si è visto che la scelta “no vax” è risultata più diffusa tra i soggetti a basso reddito, tra chi non ha mai affrontato Covid e comunque tra chi ha un lavoro lontano dalla propria casa.

Non c’è stata comunque una chiara tendenza al rifiuto vaccinale considerando i livelli di istruzioni, il genere, l’etnia e il sesso.

Grazie a questo studio, insomma, si può pensare almeno per gli Usa a modelli informativi che abbiano target ben prestabiliti, anche in chiave di orientamento politico visto che la renitenza alla chiamata vaccinale appare maggiore tra i conservatori.

Ma non si debbono mai dimenticare i punti chiave che caratterizzano la scelta. In primo luogo, infatti, a far pendere la bilancia verso il “niet” è la percezione relativa alla sicurezza del vaccino, con i conseguenti timori. Per spiegare i risultati dei trial e soprattutto caratterizzare, come è sul fronte scientifico, il rapporto costo beneficio tra vaccinazione e patologia a chiaro vantaggio della prima, occorre tempo e volontà.

Stando all’indagine, infatti, più di quattro persone su cinque ritengono che Covid-19 sia pericoloso per la salute, ma poi poco meno di una su cinque non pensa che i pericoli dell’infezione naturale superino quelli del vaccino e soprattutto esiste una buona percentuale di persone, circa il 15% del totale dei partecipanti, che non crede nella possibilità di prevenire l’infezione con la vaccinazione. Il lavoro, insomma, è lungo.

a2a
REVERSE HEALTH

Leggi anche

a2a
REVERSE HEALTH

Ultim'ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.