ABOCA
WOBI HEALTH

Citigroup licenzierà da fine mese il personale non vaccinato

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Citigroup sceglie la linea dura e pretendere che i propri dipendenti siano vaccinati, pena il licenziamento. A partire dal 15 gennaio, il personale della banca newyorkese che non è completamente vaccinato e non ha ricevuto un’esenzione medica, religiosa o comunque legalmente vincolante, sarà messo in congedo non retribuito prima di essere licenziato alla fine del mese stesso. Lo racconta Declan Harty su Fortune.com.

Gli imminenti licenziamenti, rivelati per primi da Bloomberg, non dovrebbero sorprendere i dipendenti di Citigroup. Già due mesi fa Sara Wechter, responsabile risorse umane, aveva scritto su LinkedIn che il team dirigenziale della banca aveva deciso di richiedere la vaccinazione completa dei dipendenti “poiché è diventato chiaro che COVID-19 non scomparirà presto”.

“Ben sapendo che ci sono opinioni divesre sull’obbligo vaccinale, questa decisione è stata presa con un’attenta considerazione e analisi”, ha scritto Wechter in ottobre.
Finora, più del 90% dei dipendenti Citigroup degli Stati Uniti, è già in regola con il requisito, il che significa che hanno ricevuto almeno due dosi di vaccino, e il numero è in rapido aumento, ha detto a Fortune un portavoce della banca.
Tuttavia, si tratta di numeri anomali, almeno per ora. Da un sondaggio fatto a novembre da Willis Towers Watson è emerso che, all’epoca, solo il 18% dei datori di lavoro intervistati richiedeva vaccinazioni contro COVID-19 ai propri dipendenti. Un altro 32% ha detto che lo farà se e quando l’obbligo per aziende private con un determinato numero di dipendenti entrerà in vigore, decisione il cui destino è ora nelle mani della Corte Suprema.
Per gran parte della pandemia, le banche di investimento e i dirigenti hanno lottato per trovare il modo di far tornare i loro dipendenti di nuovo in ufficio, con un personagio del calibro di David Solomon di Goldman Sachs che ha definito il lavoro da casa era una “aberrazione”. Ma, a causa dell’ultima mutazione del virus, molte delle più grandi banche del paese, tra cui Bank of America, Jpmorgan e Citigroup, hanno chiesto ai loro dipendenti di lavorare a distanza pur di iniziare il 2022.

L’articolo originale è su Fortune.com

servier 2022
ABOCA BANNER
CDPimpreseAdvertisement
CDPPAAdvertisement

Leggi anche

servier 2022
ABOCA BANNER
CDPimpreseAdvertisement
CDPPAAdvertisement

Ultim'ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.