TIM
POSTE header

Bellezze curvy in spot e sui social, l’obesità che divide

body positivity obesità
Aboca banner articolo

Bellezze ‘curvy’ orgogliosamente in copertina e polemiche (ma anche veri e propri messaggi d’odio) sui social. Se l’era delle modelle filiformi o francamente anoressiche è dura a chiudersi, mai come oggi l’obesità da problema di salute è divenuta un tema divisivo o un’arma per pubblicitari.

E se il rispetto e l’accettazione delle diversità resta fondamentale, a mettere in guardia contro “astute campagne di marketing che fanno leva sul trend topic di body positivity” questa volta sono i medici.

A preoccupare gli specialisti, la tendenza a dimenticare gli effetti per la salute di sovrappeso e obesità. “Non ci stancheremo mai di ribadire – ha detto Massimo Volpe, presidente della Società italiana di prevenzione cardiovascolare (Siprec) –  che i chili di troppo, sia quando configurano sovrappeso, che obesità, vanno considerati una malattia vera e propria, oltre che un importante fattore di rischio per tante altre patologie, da quelle cardio-metaboliche, ai tumori, a quelle osteo-articolari”.

Secondo le stime del Global Burden of Disease (GBD) Obesity Collaborations la popolazione mondiale degli adulti obesi ha superato ormai i 600 milioni, con un raddoppio di prevalenza in 35 anni (dal 1980 al 2015). Dei 4 milioni di decessi associati ogni anno all’obesità, almeno i due terzi sono dovuti a malattie cardiovascolari. E il trend sembra andare verso un aumento. Con costi importanti.

L’obesità è una malattia che “riduce il Pil italiano del 2,9%, tra costi diretti e indiretti”. A chiarire a Fortune Italia le dimensioni del problema, in occasione della recente Giornata mondiale dell’obesità, è stato Marco Antonio Zappa, presidente della Sicob, la Società italiana chirurgia dell’obesità e delle malattie metaboliche.

Ma allora la lotta alla discriminazione e l’impegno di tanti influencer sui social è da condannare? “Valorizzare la bodypositivity e condannare il body shaming è sacrosanto se intesi come ‘inclusività’ e guerra alla discriminazione del diverso, del non allineato ai canoni estetici mainstream. Ma per nessuna ragione – ha aggiunto Volpe – dobbiamo far passare il messaggio che l’obesità vada considerata come una condizione ‘normale’, addirittura alternativa alla magrezza eccessiva o al normopeso. In questo campo ‘uno non è uguale a uno’”.

L’obesità “è una patologia cronica, una malattia di per sé che potenzia e si tira dietro una serie di altri fattori di rischio, dall’ipertensione, alle dislipidemie, al diabete, contribuendo attivamente ad aprire la strada a molte altre malattie”. La Siprec si è occupata in maniera approfondita di obesità, attraverso un apposito documento di oltre 100 pagine (“Obesità: da amplificatore di rischio a malattia cronica”) pubblicato quest’anno e discusso al recente Congresso a Napoli.

Insomma, “l’obesità e il sovrappeso vanno affrontate e trattate già nei bambini e negli adolescenti, senza perdere tempo. Bisogna entrare nell’ordine di idee che non solo l’obesità, ma anche il sovrappeso fa male. Guai dunque a far passare il messaggio che qualche chilo di troppo è accettabile. Meno che mai pensare che l’obesità sia una condizione ‘normale’”.

Secondo gli esperti il problema è anche legato al fatto che, nella tradizione italiana, il bimbo in carne scoppia di salute. “È come pensare che avere un po’ di pressione alta o un po’ di colesterolo faccia bene. Dobbiamo al contrario combattere con fermezza queste condizioni – ha sottolineato lo specialista – intervenendo sullo stile di vita con una dieta personalizzata, ricorrendo se necessario anche ad un supporto psicologico e utilizzando tutti i mezzi terapeutici oggi a disposizione, dai nuovi farmaci, come gli agonisti di GLP-1, alla chirurgia bariatrica, sempre più mininvasiva”.

Insomma, occorre continuare a combattere il body shaming, cioè la marginalizzazione o l’attacco nei confronti dei soggetti obesi. “Ma senza cadere nella trappola di questa deriva del concetto di body positivity, suggerita da alcune pubblicità e dai social”, ammonisce l’esperto.

Un tema importante nel nostro Paese: l’Italia è al primo posto in Europa per obesità e sovrappeso nella fascia d’età 5-9 anni. Insomma, quella che gli specialisti qualche anno fa hanno definito epidemia di obesità non accenna a rallentare la sua corsa. E anche in questo caso occorre puntare su informazione (corretta) e prevenzione. Per i medici della Siprec è fondamentale, però, anche diffondere messaggi corretti, perché l’obesità resta una malattia in grado di insidiare il benessere dell’organismo su diversi fronti. 

Coterella
Tim Home Health
Aboca Home Helath
Teva Home Health

Leggi anche

TIM sidebar
ABOCA sidebar
TEVA sidebar

Ultima ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.