novanordisk
novanordisk 2
novanordisk 3
novanordisk 4
novanordisk 5
novonordisk 6
novonordisk 7
novonordisk 8
novonordisk 9
novonordisk 10
novonordisk 11
novonordisk 12
Novonordisk 13
novonordisk 14
novonordisk 15
novonordisk 16
Bristol

L’industria italiana investe troppo poco in R&S

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email

“La ricerca è il futuro dello sviluppo economico. In Italia per troppi anni si è investito troppo poco in ricerca e sviluppo, la colpa è sicuramente dello Stato, ma anche delle aziende”. Così il vice ministro dell’Istruzione, Università e Ricerca Lorenzo Fioramonti bacchetta l’attività svolta non solo dai precedenti governi, ma anche dalle imprese, nell’ambito dell’evento ‘Inventing for Life- Health Summit’ organizzato da Msd Italia.

“Msd investe 8 mld in ricerca e sviluppo. Una sola azienda nel mondo investe più di quanto fanno tutte le aziende italiane – insiste – perché 8 mld è più o meno il 5 e mezzo punto di Pil italiano, e le statistiche Ocse ci dicono che il privato in Italia investe lo 0,4 del Pil (in R&D) e il pubblico non va molto meglio, è intorno allo 0,7, 0,8%”.

E ancora: “ogni euro investito in R&S ha un ritorno potenziale di 4 euro. È un investimento che va coltivato nel tempo, non è un investimento che si fa da oggi a domani, è il risultato di un lavoro di impegno continuo. Un Paese che non investe rischia non soltanto di non avere occupazione, ma anche di sabotare gli effetti a lungo termine di un’intera generazione”.

Ora bisogna “incentivare il pubblico a spingere lo Stato affinché si investa di più in R&S, ma anche avere un colloquio con il privato, con le grandi aziende per fare in modo che si possa tornare a investire insieme su alcune sfide che ci trovano tutti dalla stessa parte. Sarà sempre di più l’attività legata al mondo della salute, al settore industriale della farmacologia”.

 

Bristol
INFRATEL
double for you 2

Leggi anche

Bristol
INFRATEL
double for you 2

Ultim'ora