fbpx

Addio palestre, il fitness è tutto su Instagram

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Brevi video per mostrare l’esercizio o per capire come trasformare il divano in un “attrezzo” da palestra, fotomontaggi in cui si vede il “prima” e il “dopo” per certificare i miglioramenti portati dall’allenamento, e profili che mischiano muscoli ritratti in primo piano a piatti dietetici. Instagram è diventato il regno del fitness-marketing: un luogo dove personal trainer e fitness-influencer spingono i propri programmi di allenamento, nutrizione, dimagrimento; dove si propongono schede personalizzate e si offrono consigli anche sull’abbigliamento dedicato al fitness. I più bravi sono diventati imprenditori e imprenditrici del settore, facendo della loro persona – cioè il proprio brand – aziende in crescita.

Il trend, infatti, è quello del do-it-yourself: molti, invece di spendere soldi per abbonamenti in palestra preferiscono affidarsi a Instagram: magari acquistano l’app specifica creata dalla loro influencer preferita, oppure pagano per avere un contatto diretto con lei e una consulenza specializzata che si traduce in un percorso di allenamento strutturato in base alle proprie esigenze. Molto spesso questi programmi sono costruiti con esercizi da fare a corpo libero o con pochi attrezzi multiuso – un tappetino, un kettlebell o le bande elastiche – da ripetere magari nel salotto di casa o al parco, naturalmente con il cellulare a portata di mano per avere sempre con sé il video in questione. Le social-star del settore mostrano come dimagrire imparando a mangiare cibi “sani” o acquisire un “beach-body”, cioè un corpo da spiaggia, in poche settimane in vista dell’estate. Naturalmente c’è tutto un mondo di sponsorizzazioni che gira intorno ai profili di questi fitness-influencer: dagli integratori, ai ristoranti per fitness-addicted, dai brand di sneakers e leggins alle spazzole per combattere la cellulite o le creme da usare post-allenamento.

La regina di questo mondo è, incontrastata, una ragazza australiana di 27 anni che con la sua app “Sweat with Kayla” ha fondato un impero che nel 2018 vale 77 milioni di dollari: sto parlando di Kayla Itsines, 11,4 milioni di follower su Instagram e ideatrice di quella che lei chiama BBG cioè Bikini Body Guide: un programma di allenamento di soli 28 minuti da ripetere 3 volte alla settimana per 3 mesi, che promette di regalare un corpo tonico semplicemente seguendo i consigli e gli esercizi da fare a casa o in palestra, seguendo passo passo l’app “Sweat with Kayla”. Da Instagram, Kayla Itsines ha fondato un impero: dal suo sito si può accedere alla sezione eCommerce dove si possono acquistare gli attrezzi di Kayla (dal rullo in schiuma alla borraccia brandizzata Sweat) o il libro di ricette, oppure leggere il blog, entrare nel forum, confrontarsi con la “community” creata da questa personal trainer imprenditrice che tutti i giorni pubblica le foto “prima-dopo” delle proprie follower-clienti per dimostrare l’efficacia dell’allenamento. Chi la segue sa anche che sta per sposarsi con Tobi Pearce, col quale ha creato l’impero di Sweat: insieme si calcola abbiano un patrimonio di 486 milioni di dollari. In questi giorni ha partorito una bambina: quando era incinta ha lanciato un programma d’allenamento specifico per le donne in attesa e non ha mancato di condividere i video dei suoi allenamenti durante tutta la gravidanza. Un suo post su Instagram può valere fino a 150 mila dollari.

Con 13,4 milioni di follower un’altra seguitissima star del social-fitness è Michelle Lewin, basata a Miami, che vende, oltre ai programmi di allenamento anche diete personalizzate ed ha lanciato una linea di abbigliamento da palestra: tutto disponibile sul suo sito e tutto “sponsorizzato” attraverso Instagram (un suo post si stima che valga 10 mila dollari). Come loro, ce ne sono a centinaia: da Alexia Clark, che propone circuiti ai suoi 1,7 milioni di follower (programmi scaricabili a pagamento dal suo sito), a Valentina Lequeux, 1,5 milioni di follower e un’app chiamata “Fit by Valen”. Da Sassy Gregson-Williams, che insegna un mix di danza classica, yoga e fitness per aumentare tonicità e flessibilità ad Anita Herbert (1,8 milioni di follower) che invece è una campionessa di body building e tra un video e l’altro di allenamenti in spiaggia pubblicizza la sua fitness app “Body by Anita”. In Italia c’è Selene Genisella, oltre 93 mila seguaci su Instagram: propone il suo SGP programme con schede mensili di allenamento e un programma nutrizionale. Altri profili molto seguiti sono quelli di Silvia Fascians e di Francesca Fitness Freak: entrambe attivissime anche su Youtube, dove parlano di alimentazione e lifestyle.

Leggi anche