fbpx

Ora Alexa fornisce assistenza sanitaria. E potrebbe essere un male

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Di Elisabeth RosenthalIl mese scorso, Amazon ha aperto una nuova frontiera dell’health care: ora Alexa potrebbe essere utilizzata per trasmettere i dati dei pazienti. Usando questa nuova funzionalità, che Amazon definisce “skill”, una società chiamata Livongo consentirà ai pazienti diabetici – chiamati “members” – di utilizzare il dispositivo per “consultare l’ultima lettura di zucchero nel sangue, le tendenze di misurazione della glicemia e ricevere dati e ‘Health Nudges’ personalizzati”.

Le società di private equity e venture capital sono innamorate della legione di aziende e startup che reclamizzano i benefici delle visite dei medici virtuali e della telemedicina per rivoluzionare l’assistenza sanitaria, investendo quasi 10 miliardi di dollari nel 2018, un nuovo record per il settore. Senza entrare in una palestra o in una clinica, una startup chiamata Kinetxx fornirà ai pazienti una terapia fisica virtuale, insieme a messaggistica e registrazione degli esercizi. E MavenClinic (che in realtà non è un luogo fisico) offre una guida medica online e consigli personali incentrati sui bisogni di salute delle donne.

Il mese scorso, alla Brainstorm Health Conference di Fortune a San Diego, Bruce Broussard, CEO dell’assicuratore sanitario Humana, ha detto che crede che la tecnologia aiuterà i pazienti a ricevere aiuto durante le crisi mediche, citando i benefici del monitoraggio a casa e la possibilità che le visite dei medici vengano condotte dalla videoconferenza.

Ma quando sono tornata dal Brainstorm Health, mi sono trovata di fronte a una realtà alternativa della medicina virtuale: una fattura di 235 dollari per una tele-visita, conseguenza di una telefonata di uno dei miei figli al suo medico. Si trattava di una telefonata di cinque minuti, per chiedere informazioni su una possibile infezione.

Le comunicazioni virtuali hanno semplificato la vita e trasformato molte delle nostre relazioni in meglio. Non c’è più bisogno di sedersi davanti alla scrivania da un commercialista o da un agente di viaggio o stare in fila in banca. E c’è sicuramente spazio per questa innovazione digitale dirompente nel nostro sistema di assistenza sanitaria, confuso e troppo costoso.

Rimane tuttavia aperta la questione se la medicina virtuale si riveli un valido e conveniente aiuto per l’assistenza sanitaria. O, invece, se sarà un modo per il sistema sanitario americano, basato sui profitti, di guadagnare un sacco di soldi esternalizzando alcune funzioni fondamentali dell’health care, fornendo al contempo una versione più sbiadita delle cure mediche fornite attualmente.

Dopotutto, i miei medici hanno da tempo risposto alle mie domande e dispensato consigli gratuitamente, al telefono o via e-mail, come parte del nostro rapporto medico-paziente, anche senza un’etichetta di branding ‘cool’ come ‘tele-health’. E il mio studio ostetrico mi ha offerto un grande sostegno attraverso due gravidanze difficili, forse avrebbero dovuto essere pagati per quel prezioso servizio. Ma 235 dollari per una telefonata (che costerebbe quindi 2000 dollari all’ora)? Nemmeno un avvocato aziendale chiede così tanto.

La logica sostiene che alcuni strumenti di salute digitale hanno un enorme potenziale: un neurologo può visualizzare un paziente tramite video per vedere se i movimenti facciali asimmetrici suggeriscono un ictus. Un paziente con un ritmo cardiaco irregolare potrebbe inviare tracciati digitali per vedere se un nuovo farmaco da prescrizione sta funzionando. Ma il beneficio tangibile di molti altri servizi virtuali offerti è meno certo. Ad alcune persone potrebbe piacere ricevere feedback sul loro sonno da un Apple Watch ma non sono sicuro che quella sia medicina.

E se la medicina virtuale viene perseguita in nome dell’efficienza aziendale, o semplicemente del profitto, allora ha un enorme potenziale nel peggiorare l’health care.

L’infermiera del mio medico è molto più preparata a rispondere a una domanda sul mio ricorrente problema di salute che su un call center che legge da uno script preimpostato. E, per quanto accurata possa essere una visita virtuale, essa rinuncia ad alcune delle informazioni diagnostiche che ci sono quando vedi e tocchi il paziente.

Un recente studio pubblicato su Pediatrics ha scoperto che i bambini che hanno avuto una visita di telemedicina per un’infezione delle vie respiratorie superiori avevano molte più probabilità di ottenere un antibiotico rispetto a quelli visti fisicamente dal dottore, suggerendo un’iperprescrizione eccessiva. Ha senso: attraverso un video un dottore non può usare uno stetoscopio per ascoltare i polmoni o muovere un otoscopio nel timpano di un bambino. Allo stesso modo, un fisioterapista ‘virtuale’ non può sentire i nodi muscolari o notare un sussulto momentaneo sul viso di un paziente.

Ancora più importante, forse, è il fatto che la medicina virtuale significa perdere il sostegno che è stato a lungo una parte cruciale della professione. Esistono programmi per fornire iPad ai pazienti per aiutarli con la gestione della depressione, attraverso chatbot. Forse le persone in momenti così difficili hanno bisogno, e meritano, il contatto umano?

Naturalmente, le aziende come quelle menzionate si aspettano di essere rimborsate per il monitoraggio remoto e la consulenza virtuale che forniscono. Gli investitori, a loro volta, ottengono un generoso ritorno economico senza dover impiegare così tanti medici effettivi o altri professionisti della salute. Livongo, ad esempio, ha raccolto un totale di 235 milioni di dollari di finanziamenti in sei round. E, a partire dal 2018, Medicare ha annunciato che consentirebbe a tale monitoraggio digitale di “qualificarsi per il rimborso”, se “clinicamente approvato”. Ma alla fine cosa inciderà sull’approvazione clinica? Il benessere dei pazienti o quello degli investitori?

Finora, con la sua nuova cosiddetta ‘skill’, Alexa sarà in grado di eseguire una mezza dozzina di servizi relativi alla salute. Oltre all’aiuto sul diabete, può trovare il primo punto di cura urgente in una determinata area e controllare lo stato di consegna di un farmaco con obbligo di prescrizione medica.

Ma non farà molte cose che i pazienti desiderano disperatamente, cose che la tecnologia dovrebbe essere in grado di fornire prontamente, come una stima dei prezzi affidabile per un intervento chirurgico imminente, i tassi di infezione all’ospedale locale, dove fare un test del colesterolo economico nelle vicinanze. E se stiamo cercando di portare l’assistenza sanitaria nel ventunesimo secolo, il secolo della tecnologia, dovremmo cominciare con gli obiettivi più alla nostra portata: esistono altri settori che utilizzano ancora fatture cartacee e fax?

 

Elisabeth Rosenthal è caporedattore di Kaiser Health News e autrice del libro ‘An American Sickness’.