29 Gennaio 2020

Per un vaccino contro il coronavirus potrebbero volerci anni

Fortune

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Di Naomi Xu Elegant – Scienziati governativi e compagnie farmaceutiche in Australia, Cina e Stati Uniti stanno accelerando per sviluppare un vaccino per il nuovo coronavirus che ha infettato quasi 6000 persone in tutto il mondo e ne ha uccise più di 130.

Ma anche se i ricercatori escogitano un vaccino — cosa che un team di Hong Kong ha dichiarato di aver già fatto — il farmaco dovrebbe superare i test sugli animali, i test clinici sull’uomo e l’approvazione normativa prima di poter essere immesso sul mercato, un processo che richiederà alcuni mesi come minimo; forse diversi anni.

Una corsa contro il tempo

 

Lo chief scientific officer di Johnson & Johnson ha detto alla CNBC lunedì che “dozzine di scienziati” del gigante farmaceutico stanno lavorando a un vaccino per il virus, e ha detto che la società è “abbastanza fiduciosa” di poterne produrre uno.

La Coalition for Epidemic Preparedness Innovations (CEPI), un’organizzazione pubblico-privata lanciata nel 2017 per sviluppare vaccini per la prevenzione delle epidemie, ha annunciato la scorsa settimana che finanzierà il lavoro presso due società farmaceutiche statunitensi, Moderna Therapeutics e Inovio Pharmaceuticals, insieme all’Università del Queensland e il National Institute of Allergy and Infectious Diseases degli Stati Uniti, per sviluppare vaccini per il nuovo coronavirus, noto come 2019-nCoV.

“Tutti stanno provando a muoversi il più rapidamente possibile”, ha detto Jacqueline Shea, direttore operativo di Inovio.

Il nuovo virus, che si è sospettato in un primo momento provenisse da un mercato ormai chiuso a Wuhan, fa parte della famiglia dei coronavirus, che comprende il raffreddore comune e virus più rari e letali come il virus della sindrome respiratoria acuta grave (SARS) e virus della sindrome respiratoria del Medio Oriente (MERS).

I dati esistenti relativi alle epidemie di SARS e MERS e la familiarità con le caratteristiche dei coronavirus possono aiutare gli scienziati a sviluppare un vaccino per 2019-nCoV. Il vaccino sperimentale creato dai ricercatori dell’Università di Hong Kong (HKU), ad esempio, è stato prodotto modificando parte del vaccino antinfluenzale esistente.

Ma anche se gli scienziati escogiteranno un vaccino, gli studi clinici e l’approvazione normativa probabilmente rinvieranno la data di rilascio del farmaco di un anno o più. Il team HKU non ha fornito un periodo di tempo specifico, ma ha affermato che i test sugli animali potrebbero richiedere mesi e che gli studi clinici sull’uomo potrebbero richiedere “almeno un anno, anche se accelerati”.

Il dirigente di Johnson & Johnson ha stimato che la compagnia impiegherà da 8 a 12 mesi per raggiungere la fase di sperimentazione clinica umana.

Anche durante l’epidemia di SARS, che ha ucciso quasi 800 e contagiato oltre 8.000 persone in tutto il mondo, gli scienziati avevano iniziato a lavorare per creare un vaccino, un progetto rallentato dall’occultamento iniziale dell’epidemia da parte del governo cinese.

Gli scienziati alla fine hanno creato un vaccino SARS, ma non è mai stato rilasciato. Quando raggiunse la fase di sperimentazione umana, che impiegò circa 20 mesi, i funzionari della sanità pubblica avevano contenuto l’epidemia. Un vaccino per MERS è ancora in fase di sviluppo e finora è stato testato solo su animali.

Un territorio sconosciuto

“Penso che siamo in un territorio inesplorato in termini di una sequenza temporale, in particolare di fronte all’approvazione normativa, che in circostanze normali richiederebbe anni”, ha detto Edward Hammond, un ricercatore di biotecnologia con sede in Texas che ha studiato la preparazione all’influenza pandemica.

“Almeno nel contesto degli Stati Uniti, al fine di ottenere qualcosa con approvazioni formali entro un paio d’anni, i funzionari del governo dovranno invocare disposizioni di emergenza”, ha aggiunto Hammond.

Affinché qualsiasi vaccino attraversi rapidamente i canali regolatori, il governo degli Stati Uniti dovrebbe dichiarare un’emergenza di sanità pubblica, che consentirebbe un’autorizzazione all’uso di emergenza di prodotti medici da parte della Food and Drug Administration, secondo le linee guida della FDA sull’argomento.

I Centers for Disease Control and Prevention hanno dichiarato mercoledì che il virus “non si sta attualmente diffondendo” negli Stati Uniti e “il rischio immediato negli Stati Uniti è considerato basso”. Al momento gli Stati Uniti hanno avuto cinque casi confermati di coronavirus.

Al 29 gennaio, il numero di casi registrati del nuovo coronavirus era quasi 6.000. La maggior parte di loro si trova in Cina, dove vengono tenute d’occhio altre 20.000 persone per la possibile infezione da coronavirus.

Al di fuori della Cina, paesi in tutto il mondo hanno segnalato casi di virus, tra cui 14 in Thailandia, sette in Giappone e quattro in Francia. La Germania martedì ha riportato il primo caso noto di trasmissione del virus da uomo a uomo. Da allora anche Taiwan e il Vietnam hanno riportato infezioni trasmesse da uomo a uomo.

A portata di click

Acquista Fortune in formato digitale per leggere i nostri contenuti su qualsiasi dispositivo.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selezione degli articoli di Fortune.