Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement

Coronavirus, il modello Singapore e perché è difficile replicarlo

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
coronavirus singapore eventi conferenze
Di Philip J. Heijmans (Fortune.com/Bloomberg) – Mentre il coronavirus inizia a guadagnare velocità in Europa, Medio Oriente e Stati Uniti, c’è un posto in cui sembra essere contenuto: Singapore.

Senza segnalazioni di decessi correlati al virus, nonostante 96 casi accertati, e un rallentamento del tasso di infezione ormai superato dalle guarigioni, la città-stato asiatica sta emergendo come una cartina di tornasole non solo per quanto riguarda il contenimento dell’epidemia: forse la si può neutralizzare, ma probabilmente solo con la combinazione unica di fattori offerta da Singapore.

Ovvero un sistema sanitario di prim’ordine, misure di tracciamento e contenimento draconiane e una piccola popolazione che accetta gli ordini autoritari del governo. Pochi altri paesi, tra quelli che combattono un’epidemia che ora ha infettato oltre 83.000 persone a livello globale e ne ha uccise oltre 2.800, possono replicare queste circostanze. Il conteggio dei casi di Singapore sta ancora aumentando, ma non è più la nazione più colpita al di fuori della Cina dopo che la Corea del Sud ha subito un aumento di 30 volte dei contagi in una settimana. L’Italia, con almeno 650 casi confermati, è diventata l’epicentro in Europa, mentre l’Iran ha riportato un balzo allarmante nel numero di persone infette e decedute. “Sembra esserci una maggiore volontà di porre le esigenze della comunità e della società davanti a quelle della libertà individuale e ciò aiuta in una crisi di salute pubblica”, ha dichiarato Kent Sepkowitz, specialista nel controllo delle malattie infettive presso il Memorial Sloan Kettering Cancer Center di New York.

 

La severità di Singapore

 

Singapore è stata molto aggressiva. È stato uno dei primi paesi a imporre restrizioni a chiunque avesse fatto un viaggio recente in Cina e in alcune parti della Corea del Sud. Ha un rigoroso regime di quarantena ospedaliera e domiciliare per pazienti potenzialmente infetti e sta rintracciando chiunque abbia avuto contatti. Ha punito una coppia che ha fornito informazioni false sulla propria storia di viaggio e ha rimosso lo stato di residenza a una persona che ha violato la propria quarantena. Singapore “non esiterà ad agire con forza” contro le infrazioni alle regole, ha dichiarato il ministro della giustizia K. Shanmugam in una nota giovedì. “La deliberata violazione delle regole, nella situazione attuale, richiede una risposta rapida e decisiva”.

Il paese ha avviato una soluzione software, Web e mobile, il 10 febbraio, attraverso la quale le persone poste in quarantena domestica dovrebbero poter riferire la propria posizione al governo, secondo una dichiarazione dell’ufficio del Primo Ministro. “Questo è stato il primo livello di verifica per quasi 12.000 dipendenti stranieri”.

La severità di Singapore è in contrasto con le altre nazioni asiatiche, che pur essendo più vicine geograficamente alla Cina, sono state più lente ad agire. Il Giappone e la Corea del Sud sono entrambi oggetto di critiche per lassismo e misure di contenimento ritardate che hanno portato all’aumento di casi di virus. Poiché l’epidemia emersa dalla Cina minaccia di diventare una pandemia globale che potrebbe spazzare via 1 trilione di dollari dal prodotto interno lordo mondiale, Singapore ha usato le sue prime infezioni per stabilire un avanzato sistema di tracciamento dei contagi.

Ora sta utilizzando un nuovo test sierologico sviluppato dalla Duke-NUS Medical School in grado di stabilire collegamenti tra casi di contagio, che consentirà alle autorità di mappare la catena di trasmissione e quindi tentare di romperla. Ricercatori locali avevano precedentemente coltivato con successo il nuovo virus, a solo una settimana dal primo caso nel Paese.

Una “storicamente molto forte capacità di sorveglianza epidemiologica e di tracciamento dei contatti” a Singapore ha portato inizialmente a un alto tasso di rilevazione, secondo uno studio pubblicato da ricercatori dell’Università di Harvard.

L’esperienza del paese con l’epidemia di SARS del 2003 in cui 33 persone sono morte a Singapore e l’influenza suina del 2010 nota come H1N1, dove si stima che fossero state contagiate più di 400.000 persone, avevano già messo in moto delle precauzioni. Queste includevano strutture di quarantena governative già pronte e un centro nazionale all’avanguardia di 330 posti letto per la gestione delle malattie infettive aperto lo scorso anno.


Dimensioni ridotte

A dire il vero, pochi altri paesi possono ricreare le circostanze di Singapore. È una nazione piccola e ricca senza un entroterra o carenze sanitarie. È stato governato da un partito politico per i suoi quasi 55 anni di indipendenza e i media locali trasportano i messaggi del governo senza fare domande, dal lavarsi le mani al rimanere a casa se qualcuno non si sente bene. In un discorso registrato all’inizio di questo mese, il Primo Ministro Lee Hsien Loong ha rassicurato gli abitanti che la città aveva abbastanza rifornimenti e che il virus non sembrava letale come la SARS, il che significa che la maggior parte delle persone avrebbe probabilmente avuto una malattia minore anche se l’avesse contratta. Da allora la popolazione è stata notevolmente più calma.

Nuove infezioni a Singapore possono ancora manifestarsi a causa del lungo periodo di incubazione del virus e della mancanza di sintomi in alcuni portatori. Il capo scienziato che ha guidato la risposta della salute pubblica durante la SARS, ha ammonito che possono emergere più casi in qualsiasi momento, dato il rapido aumento del numero globale.

 

Un centro mondiale del business

Le autorità hanno testato più di 1.300 persone, mentre il Ministero della Salute ha imposto la quarantena di due settimane a 2.887 persone a stretto contatto con pazienti infetti. Singapore è anche un centro economico mondiale con un grande flusso di visitatori stranieri.

Dopo che una riunione d’affari tenuta a Singapore alla quale avrebbero partecipato delle persone che avrebbero diffuso il virus in paesi asiatici ed europei, all’inizio di questo mese i funzionari hanno dichiarato di indagare sui residenti che hanno partecipato a quella riunione per prepararsi alla possibilità di nuovi casi confermati. Sono guarite tre persone infette e non sono emersi nuovi casi relativi a quel meeting, intanto. Ma ciò che Singapore sta mostrando al mondo è che quando tutte le stelle si allineano, il virus potrebbe non essere incontrollabile come temuto. La situazione “dice molto sul sistema sanitario di Singapore”, ha dichiarato Sepkowitz.

Aboca
Masmec
Open Fiber
Chiesi Box
gilead
Lundebeck
Innova Finance
UCB

Leggi anche

I più letti